Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Autoarticolati: c'è il via ai 18 metri. Bene per l'ambiente; male per i trasportatori se ai pallet in più non corrisponderà un adeguamento tariffario

Il recente D.L. 121/21 recante " Disposizioni urgenti in materia di investimenti e sicurezza delle infrastrutture, dei trasporti e della circolazione stradale, per la funzionalità del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, del Consiglio superiore dei lavori pubblici e dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle infrastrutture stradali e autostradali" ha, tra le altre cose - su alcune delle quali si è espresso, in modo netto, il Segretario Generale di ASSOTIR, Claudio Donati, con una specifica dichiarazione - previsto di rendere definitiva la possibilità di porre in circolazione complessi veicolari costituiti da trattore e semirimorchio, con una lunghezza totale di 18 metri, fermo rimanendo il vincolo di massa fissato in 44 ton..

Si tratta, precisa il Ministero, della conclusione cui si è giunti al termine di un processo di sperimentazione che ha coinvolto alcune imprese italiane di autotrasporto e ha visto circa 350 complessi di questa lunghezza circolare per le strade del nostro Paese.

Come afferma il Ministero e come precisa l'ANFIA - l' Associazione dei fabbricanti veicoli industriali italiani - la maggiore lunghezza dell'attacco consente un aumento di capacità di stivaggio pari a 4 pallet per ogni trasporto, permettendo (laddove si sarà capaci di ottimizzare davvero la catena logistica, stanti le ben note difficoltà derivanti da un perdurante notevolissimo squilibrio territoriale dei centri di partenza delle merci rispetto ai mercati di destinazione) una diminuzione dei veicoli necessari al trasporto delle merci.

Se sarà davvero così, non si potrà che essere soddisfatti per i benefii ambientali che ne deriveranno. Tuttavia una domanda vorremmo porla a nome degli autotrasportatori chiamati a innovare la propria flotta di semirimorchi per adeguarla alle nuove normative: "4 pedane in più, va bene. Ma se ciò avverrà senza un contemporaneo aumento delle tariffe, dovranno essere sempre i soliti birocciai tecnologici a doversi far carico delle spese per l'innovazione e della necessità di proteggere l'ambiente?"

Attendiamo, anche da questo versante, una risposta che faccia chiarezza.

I

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Settembre 2021 08:45

Contatti


Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution

Please publish modules in offcanvas position.