Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

UE: approvato finalmente il Primo Pacchetto Mobilità. Ecco in cosa consiste la riforma dell’autotrasporto fortemente contrastata dai Paesi dell’Est Europa

L’8 luglio 2020 gli eurodeputati hanno approvato senza alcuna modifica i due Regolamenti e la Direttiva che costituiscono il Primo Pacchetto Mobilità e che riformano importanti regole sull’autotrasporto. Il testo votato a maggioranza dal Parlamento Europeo l’8 luglio 2020 è quello uscito dall’accordo con il Consiglio Europeo firmato nel dicembre del 2019.

A nulla sono servite le operazioni di disturbo poste in essere da alcuni Paesi contrari

(soprattutto quelli dell’Europa orientale) che avevano cercato, fino all’ultimo, di convincere gli europarlamentari a respingere il testo approvato dal Consiglio d’Europa, sia con lettere inviate ai singoli europarlamentari, sia con manifestazioni di autotrasportatori.

In aula gli europarlamentari, contrari all’approvazione del Primo Pacchetto Mobilità, avevano presentato tre mozioni procedurali per respingere le posizioni del Consiglio d’Europa sul distacco trans-nazionale degli autisti, i tempi di guida e il cabotaggio stradale. Tutte le mozioni sono state respinte con una forte maggioranza, rispettivamente 469 voti contro e 218 a favore, 524 contro e 162 a favore, 513 contro e 174 a favore.

Termina con un lieto fine, quindi, il lungo e tortuoso percorso che ha visto contrapporsi fino all’ultimo istante alcuni Paesi dell’Europa orientale, che non volevano cambiare l’attuale legislazione, ad altri occidentali, che hanno sostenuto la riforma.

 

La progressiva entrata in vigore delle nuove regole (il primo step riguarda la modifica del Regolamento relativo ai tempi di guida e di riposo dei conducenti che si dovrebbe concretizzare per il prossimo settembre) potrà cambiare in modo rilevante l’autotrasporto internazionale.

 

Per quanto concerne i conducenti, cambieranno le regole per il loro distacco trans-nazionale e quelle sui tempi di guida e di riposo. Le aziende di autotrasporto dovranno organizzare i viaggi in modo che gli autisti nel trasporto internazionale di merci possano tornare a casa a intervalli regolari (ogni tre o quattro settimane a seconda dell'orario di lavoro). Il riposo settimanale regolare non potrà essere svolto nella cabina del camion in tutto il territorio comunitario e a certe condizioni l'azienda dovrà pagare le spese di alloggio dell’autista.

Altre novità riguarderanno i cronotachigrafi, che dovranno registrare i passaggi di frontiera per agevolare i controlli su strada nel trasporto internazionale. Verrà introdotto l’obbligo del cronotachigrafo anche per i veicoli commerciali con massa complessiva da 2,5 a 3,5 tonnellate che svolgono autotrasporto internazionale. Il Pacchetto chiarisce anche le modalità di applicazione del distacco trans-nazionale degli autisti per assicurare la parità di retribuzione sull’intero territorio comunitario.

 

Cambierà anche la disciplina riguardante il cabotaggio stradale, con lo scopo di evitare quello sistematico e contrastare meglio gli abusi. Resta la regola dei tre viaggi nazionali nei sette giorni successivi all’entra di un veicolo in un Paese comunitario per svolgere un autotrasporto internazionale, ma dopo che il veicolo esce dal Paese non potrà rientrarvi per quattro giorni (cosiddetto periodo di raffreddamento), se vuole svolgere ancora cabotaggio in quel Paese.

 

Da ultimo, con il Primo Pacchetto Mobilità cambiano anche le regole per aprire all’estero una società di autotrasporto ed evitare quelle di comodo. Le filiali estere dovranno essere realmente operative nel Paese, dimostrando di avere sul posto gli asset necessari per svolgere l’attività, come una sede operativa con addetti, veicoli e autisti. Ogni otto settimane di viaggio consecutive, i veicoli dovranno rientrare nella sede dell’impresa, evitando così che gli autisti restano in viaggio per mesi.

Nelle prossime settimane, la Gazzetta Europea pubblicherà i due Regolamenti e la Direttiva che attuano la riforma dell’autotrasporto. Le norme sul distacco si applicheranno diciotto mesi dopo l'entrata in vigore dell'atto giuridico. Le norme sui tempi di riposo, compreso il ritorno dei conducenti, si applicheranno venti giorni dopo la pubblicazione dell'atto (dovrebbe essere il mese di settembre come detto prima). Le norme sul ritorno in sede dei veicoli e le altre modifiche alle norme sull'accesso al mercato si applicheranno diciotto mesi dopo l'entrata in vigore dell'atto.

 

Ultima modifica il Venerdì, 10 Luglio 2020 17:18

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008


Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution

Please publish modules in offcanvas position.