Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

INL: non importa quale contratto di lavoro gli si applica, ma come viene retribuito il lavoratore

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro è tornato ad occuparsi con una circolare del 6 Maggio u.s. della corretta interpretazione dell’art.1, comma 1175 della Legge 296/2006, il quale condiziona l’erogazione dei benefici normativi e contributivi in materia di lavoro e legislazione sociale, in aggiunta al possesso del DURC, anche al “rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale”.

A parziale correzione di una precedente circolare del 25 Gennaio 2018, l’INL ha affermato che la predetta normativa si intende rispettata a prescindere dal contratto collettivo applicato dalle parti, purché al lavoratore venga garantito un trattamento economico e normativo non inferiore a quello stabilito dai contratti siglati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

 

In pratica, l’INL sostiene che la sostanza (ovvero il trattamento riconosciuto al lavoratore) debba prevalere sulla forma (il contratto collettivo applicato), fermo restando che le condizioni economiche e normative della contrattazione settoriale di riferimento rappresentano comunque il minimo inderogabile dalle parti. 

Nella valutazione di equivalenza tra i diversi contratti, non si potrà tenere conto “di quei trattamenti previsti in favore del lavoratore che siano sottoposti, in tutto o in parte, a regimi di esenzione contributiva e/o fiscale (come ad es. avviene per il c.d. welfare aziendale)”.

Infine, l’INL ribadisce che “lo scostamento dal contenuto degli accordi e contratti collettivi stipulati da organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale determinerà la perdita di eventuali benefici normativi e contributivi fruiti”.

Ultima modifica il Lunedì, 13 Maggio 2019 18:42

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution

Please publish modules in offcanvas position.