Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Subscribe via RSS or Email:

 

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

di concerto con

Il Ministro della Salute

 

VISTA la deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella riunione del 31 gennaio 2020, relativa alla dichiarazione, per sei mesi, dello state di emergenza nel territorio nazionale in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 108 del 27 aprile 2020, con il quale sono state adottate, sull'intero territorio nazionale, nuove misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, con effetto dalla data del 4 maggio 2020 e fino al 17 maggio 2020;

VISTO in particolare, l'articolo 1, comma 1, lettera ff), del citato decreto, che ha previsto che il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro della salute, può disporre, al fine di contenere l'emergenza sanitaria da coronavirus, riduzioni, sospensioni o limitazioni nei servizi di trasporto, anche internazionale, automobilistico, ferroviario, aereo, marittimo e nelle acque interne, imponendo specifici obblighi agli utenti, agli equipaggi, nonché ai vettori ed agli armatori;

VISTO il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute n. 194 del 5 maggio 2020 con il quale è stata disposta, in linea con quanto previsto

dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 aprile 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 108 del 27 aprile 2020, la rimodulazione organica delle misure di riduzione, soppressione e limitazione nei servizi di trasporto automobilistico, ferroviario, aereo, marittimo nonché da e per le Regioni Sicilia e Sardegna, di cui al precedente decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute n. 153 del 12 aprile 2020 e successive modifiche ed integrazioni;

RITENUTO di dover limitare il traffico aereo da e per l'aeroporto di Milano Linate, sulla base delle osservazioni svelte dalla società di gestione dell'aeroporto - SEA S.p.A. con nota n. 5183 del 6 maggio 2020, ai soli servizi di aviazione generate;

TENUTO CONTO anche della nota n. 10359 del 6 maggio 2020 della Regione Sicilia, con la quale si richiede la riattivazione delle linee di collegamento marittimo da e per la Sicilia, per esigenze connesse ai movimenti del personale delle forze dell'ordine e delle forze armate, de! personale sanitario e sociosanitario nonché dei passeggeri i cui spostamenti sono riconducibili ad esigenze di lavoro, motivi di salute e stato di necessita; 

TENUTO CONTO anche della nota prot. n. 4237 del 12 maggio 2020 della Regione Autonoma della Sardegna con la quale si richiede il mantenimento delle attuali misure limitative dei servizi di trasporto marittimo ed aereo da e per l'isola, fatta salva la possibilità di assicurare la riapertura dei servizi di aviazione generale, a partire dal 21 maggio 2020, negli aeroporti di Cagliari, Olbia e Alghero;

RITENUTO altresì, di dover ulteriormente adeguare l'offerta dei servizi ferroviari essenziali alle nuove esigenze di trasporto;

RITENUTO necessario prevedere, in coerenza con le previsioni di cui all'articolo l , comma 2 e 3 del decreto legge 16 maggio 2020, n. 33 e della lettera ii), del DPCM del 17 maggio 2020 una rimodulazione organica delle misure di riduzione, soppressione e limitazione nei servizi di trasporto automobilistico, ferroviario, aereo, marittimo nonché da e per le Regioni Sicilia e Sardegna, di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro della salute n. 153 del 12 aprile 2020 e successive modifiche ed integrazioni.

DECRETA

Art. 1 (Trasporto aereo)

1. Al fine di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di tutelare la salute dell'utenza e dei lavoratori, sono assicurati, nel settore del trasporto aereo, esclusivamente i servizi minimi

2. Per il trasporto aereo, tenuto conto anche delle richieste pervenute dai gestori aeroportuali, della collocazione geografica degli aeroporti in grado di servire  bacini  di  utenza  in modo uniforme sul territorio e della capacita infrastrutturale degli stessi, nonché della necessita di garantire i collegamento insulari, l'operatività dei servizi e limitata agli aeroporti di Ancona, Bari, Bergamo-Orio al Serio, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze-Peretola, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli Capodichino, Olbia, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Ciampino, Roma Fiumicino, Torino, e Venezia Tessera. Negli aeroporti commerciali non inclusi nell'elenco di cui al presente comma sono consentite le attività di aviazione generale.

3. Il personale degli USMAF/SANS dipendente o con contratto temporaneo con il Ministero della Salute che presta servizio presso gli aeroporti non inclusi nel comma 1 può essere utilizzato per le esigenze sanitarie di aeroporti o porti

4. È rimessa alla valutazione dell'Ente nazionale per l'aviazione civile la possibilità di consentire l'operatività degli aeroporti non inclusi nel comma 2, in considerazione delle seguenti fattispecie:

  1. mantenimento dei requisiti di certificazione aeroportuale ai sensi del vigente quadro normativo di riferimento;
  2. previsione dell'accesso alle infrastrutture e del loro utilizzo per i dipendenti dell'ENAC, di Enav p.A. e degli Enti di Stato basati in aeroporto;
  3. ripristino immediato della piena operatività dell'aeroporto, qualora ritenuto necessario;
  4. esigenze operative di voli cargo e posta, nonché di voli di Stato, di Enti di Stato, di emergenza sanitaria o di emergenza di altro tipo

5. Il personale addetto ai servizi aeroportuali presso gli aeroporti non inclusi nel comma 2 è tenuto a garantire la reperibilità nelle 24 ore, nella misura prevista dagli enti competenti.

6. Negli aeroporti di aviazione generale e nelle aree di atterraggio di cui al decreto ministeriale del 1 febbraio 2006, escluse le aviosuperfici e le elisuperfici occasionali, sono consentiti, secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, del decreto legge 16 maggio 2020, 33 esclusivamente i voli motivati da comprovate esigenze lavorative o di assoluta urgenza ovvero effettuati per motivi di salute. Sono altresì consentiti i voli finalizzati al rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Per i movimenti di cui al primo  e  secondo periodo, operati a partire da aeroporti di aviazione generale per le citate fattispecie di cui al citato articolo 1, comma 2, del decreto legge n.33 del 2020, il pilota deve trasmettere due ore prima del decollo all'autorità di pubblica sicurezza territorialmente competente in base all'ubicazione dell'aeroporto o dell'area di atterraggio di destinazione, le comunicazioni previste all'art. 9 del decreto ministeriale 1 febbraio 2006, nonché le necessarie autodichiarazioni  redatte in conformità al modello definito dal Ministero dell'Interno.

Art.2

(Trasporto ferroviario)

1. Al fine di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e nel contempo garantire il fabbisogno essenziale di mobilita, sono assicurati, nel settore del trasporto ferroviario, i seguenti servizi:

  1. Per il trasporto ferroviario passeggeri, sia per le attività a mercato che per quelle svolte in base a contratti di servizio per la lunga percorrenza stipulati da Trenitalia p.A. con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono assicurati i collegamenti di cui all'Allegato 1, come da richiesta delle impresa esercente, salvo diverse ed eventuali maggiori esigenze di trasporto .
  2. Per i servizi Intercity, Trenitalia p.A. potrà, d'intesa con le amministrazioni vigilanti, valutare ulteriori rimodulazioni in funzione delle ridotte esigenze di mobilita.
  3. Per il trasporto ferroviario operato da Italo - Nuovo trasporto viaggiatori, sono assicurati i servizi indicati nella tabella di cui all'Allegato 2, come da richiesta dell'impresa esercente.
  4. Nessuna limitazione e prevista per il servizio di trasporto merci e per i servizi a carattere emergenziale.

Art.3

(Servizi automobilistici interregionali)

1. Al fine di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da covid-19 e nel contempo garantire il fabbisogno essenziale di mobilita, sono assicurati esclusivamente i servizi automobilistici interregionali minimi

2. Fino al termine previsto dall'articolo 1, comma 3, del decreto legge n. 33 del 2020, in deroga alle procedure previste dal decreto legislativo 21 novembre 2005, 285 e dal decreto del Ministro dei trasporti 1 aprile 2006, n316, e purche nel rispetto della normativa in materia di sicurezza della circolazione, le modifiche e le riduzioni dei servizi di linea autorizzati dal Ministero delle infrastrutture e lei trasporti possono essere adottate dal vettore, previa adeguata e tempestiva comunicazione al Ministero stesso e all'utenza, a condizione che il vettore non proceda all'integrale cessazione dei servizi da erogare, nel rispetto  delle disposizioni dettate da Ministero della salute e di quanto previsto all'articolo 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 maggio 2020.

Art. 4

(Trasporti da e per Regione Sicilia)

1. Al fine di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di garantire contemporaneamente il fabbisogno essenziale di mobilita per la Regione Sicilia, sono assicurati , nelle varie modalità di trasporto, esclusivamente i servizi come di seguito

2. Il trasporto marittimo di viaggiatori da e verso la Sicilia e limitato al soddisfacimento delle esigenze del personale delle forze dell'ordine e delle forze armate, del personale sanitario e sociosanitario nonché dei passeggeri i cui spostamenti sono riconducibili ad esigenze di lavoro, motivi di salute o  assoluta urgenza. Sono altresì assicurati gli spostamenti determinati da esigenze di rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

3. Gli spostamenti via mare per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa sono assicurati mediante dieci corse giornaliere AIR, da effettuarsi nella fascia oraria dalle 00 alle 21.00. Detti spostamenti sono consentiti esclusivamente agli appartenenti alle Forze dell'Ordine e alle Forze Armate, agli operatori sanitari pubblici e privati, ai lavoratori pendolari o per comprovate esigenze di lavoro, gravi motivi di salute e assoluta urgenza, nonché per il rientro presso la propria residenza, abitazione o domicilio. Detti spostamenti devono essere effettuati a piedi o a bordo di veicoli appartenenti alle categorie di cui alla lettera a) del comma 2 dell'art. 47 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 ovvero alla categoria M, con esclusione delle categorie Ml, M2 ed M3, prevista dalla lettera b) del comma 2 del citato articolo 47. Il traffico merci dalla Calabria alla Sicilia e viceversa e effettuato esclusivamente sull'approdo di Messina-Tremestieri.  Da tale approdo è altresì autorizzato  il transito degli operatori sanitari pubblici e privati, a bordo delle unità navali che operano il trasporto merci, su mezzi privati e nel rispetto delle certificazioni e delle condizioni di sicurezza delle unità  stesse.

4. Il trasporto aereo di viaggiatori da e verso la Sicilia e assicurato con la penisola, esclusivamente presso gli aeropo1ti di Palermo e Catania mediante quattro voli AIR Roma-Catania e quattro voli AIR Roma-Palermo, due meridiani e due antimeridiani, con sospensione di tutti gli altri voli compresi quelli internazionali.

5. I servizi automobilistici interregionali sono soppressi

6. Per i collegamenti ferroviari diurni gli stessi sono limitati ad un solo collegamento intercity Roma/Palermo.

Art.5

(Servizi di trasporto da e per la Sardegna)

1. Al fine di contrastare il diffondersi dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 nella Regione Sardegna, in relazione anche alla particolare situazione dell'organizzazione sanitaria della stessa Regione, sono assicurati, nel settore del trasporto marittimo e aereo, esclusivamente i servizi indicati nei successivi commi.

2. Il trasporto marittimo di viaggiatori da e verso la Sardegna è sospeso.

3. Continua ad essere assicurato, fermo restando l'utilizzo delle navi previste in convenzione, esclusivamente il trasporto delle merci possibilmente su unita di carico isolate non Può essere autorizzato il trasporto passeggeri su navi adibite al trasporto merci esclusivamente per dimostrate ed improrogabili esigenze di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legge n. 33 del 2020 previa autorizzazione del Presidente della Regione, sentita l'Autorita sanitaria regionale, adottata ai sensi dell'articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833.

4. Il trasporto aereo di viaggiatori da e verso la Sardegna e assicurato esclusivamente presso gli aeroporti di Cagliari e di Olbia per dimostrate ed improrogabili esigenze di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legge, 33 del 2020 previa autorizzazione del Presidente della Regione, sentita l'Autorita sanitaria regionale, adottata ai sensi dell'articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833.

Art. 6

(Disposizioni in materia di sosta inoperosa per le navi passeggeri di bandiera estera impiegate in servizi di crociera)

1.E’consentito  alla navi passeggeri  di bandiera estera impiegate  in servizi di crociera l 'ingresso nei porti italiani esclusivamente ai fini della sosta inoperosa.

Art.7

(efficacia)

1. Le disposizioni del presente decreto producono effetti fino al 2 giugno 2

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Paola De Micheli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

Roberto Speranza

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008


Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution