Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

FRANCIA: dal 1 gennaio 2015 scatta il pedaggio di transito su 4.000 km di strade statali e dipartimentali

Il pedaggio - che in media vale € 0,13/KM - interesserà i veicoli con oltre 3,5 ton. di massa complessiva e prevede pagamenti differenziati a seconda del numero di assi del veicolo, della percorrenza e del livello di emissioni.

Dopo i pronunciamenti favorevoli del Consiglio di Stato e il riconoscumento della validità del contratto stipulato tra lo Stato francese ed il consorzio Ecomouv, la Francia si appresta a rendere definitivamente operativa la tariffazione del transito dei veicoli di peso superiore a 3,5 ton. su oltrer 4.000 km di strade statai e dipartimentali di grande comunicazione.

La ecotassa viene ad essere quindi sostituita da un "pedaggio di transito" che  in applicazione del principio "chi usa, paga", porterà i veicoli pesanti a contribuire al finanziamento della manutenzione della rete stradale e per la costruzione di nuove infrastrutture, in particolare ferroviarie e fluviali.

Dal primo gennaio 2015 i veicoli pesanti, aventi massa superiore alle 3,5 t che transiteranno su questi 4.000 km di strade, dovranno pagare una tassa di € 0,13/KM a seconda del numero di assi del veicolo, della percorrenza e del livello di emissioni.

La decisione definitiva del Governo francese è scaturita dopo un lavoro di concertazione basato sulle conclusioni delle Commissioni parlamentari.

Al posto dei 15.000 km di strade che erano interessati dall'Ecotaxe, si passa a 4.000 km della rete stradale nazionale e di alcune rotte alternative dipartimentali.

I 4.000 km  individuati dal Governo costituiscono infatti le strade principali che concentrano il maggior traffico, vale a dire quelle che vedono un traffico di oltre 2.500 veicoli pesanti/giorno. Essi  corrispondono alle principali rotte che attraversano il paese fino ad ora non a pedaggio e parallele alle strade a pedaggio strada come la N4 tra Parigi e la Francia orientale, e RN10 tra Poitiers e Bordeaux.

Queste rotte permettono coerentemente di  completare la rete di strade a pedaggio  in modo da pesare soprattutto sui veicoli pesanti  impegnati in trasporti a lunga percorrenza. Gli itinerari locali non sono perciò interessati.

Tuttavia, per evitare gli ingorghi di traffico nell'attraversamento di strade locali e di centri abitati, 200 km di strade locali sono incluse nella rete del pagamento dei nuovi pedaggi: la strada provinciale 83 in Alsazia, il périphérique di Parigi, un tratto del percorso Centro-Europe-Atlantico (RCEA).



[File allegato] Allegato - 1 - la scheda del Governo francese che illustra lae differenze tra las nuova proposta di strade a pedaggio e la precedente Ecotaxe


Ultima modifica il Martedì, 01 Luglio 2014 14:00

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution