Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

 


AGENZIA DOGANE E MONOPOLI

Direzione Centrale Legislazione e Procedure

Accise e altre Imposte Indirette

Ufficio accise sui prodotti energetici e alcolici e altre imposizioni indirette

 

Protocollo: 83664/RU

Rif:

Roma, 24 luglio 2018

 

OGGETTO:      Legge n. 205/2017 – Emissione fattura elettronica per cessioni di carburante per motori uso autotrazione.

D. Lgs. n. 504/1995, art. 24-ter. Agevolazione sul gasolio utilizzato nel settore del trasporto merci. Presupposti per fruire del rimborso. Indicazione obbligatoria in fattura della targa del veicolo. Precisazioni.

In riferimento alla richiesta concernente l’oggetto, inviata a questo Ufficio tramite mail del 21.6.2018, si osserva quanto segue.

La nota n. 64837/RU del 7/6/2018 ha chiarito gli adempimenti da osservare per fruire dell’agevolazione attualmente prevista dall’art. 24-ter del D.lgs. n. 504/1995 in considerazione della misura, introdotta dalla legge n. 205/2017, riguardante l’emissione obbligatoria di fattura elettronica da parte degli impianti stradali di distribuzione carburanti per le cessioni di gasolio per motori ad uso autotrazione.

Tale obbligo, peraltro rinviato dall’art.1, comma 1, lett. a) del D.L. 28 giugno 2018, n. 79, a partire dal 1° gennaio 2019, nulla muta quanto alla distinta disciplina attuativa (D.P.R. n. 277/2000) del suddetto beneficio fiscale in materia di accisa concesso agli esercenti attività di trasporto merci.

Al riguardo, si ribadisce che l’indicazione della targa del veicolo nella fattura elettronica, rispondendo ad esigenze di riconducibilità della stessa agevolazione all’effettivo avente diritto che ha la disponibilità esclusiva del mezzo, consente il riconoscimento del credito d’accisa sul gasolio rifornito sempreché sussistenti gli altri requisiti prescritti. L’obbligatorietà della presenza della targa nel documento elettronico riguarda, per i fini che qui interessano, quei veicoli che si riforniscono presso impianti di distribuzione stradale di carburanti.

In tale ipotesi, infatti, è indispensabile, per ottenere il rimborso dell’aliquota ridotta di accisa di cui al punto 4-bis della Tabella A allegata al D.lgs. n. 504/95 (TUA), una piena corrispondenza tra le targhe degli automezzi utilizzati dall’esercente per lo svolgimento dell’attività di trasporto merci e poi inseriti nel Quadro A-1 della dichiarazione trimestrale (resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000) e quelle riportate nella fattura elettronica rilasciata dall’esercente l’impianto stradale di carburanti. Ciò viene confermato con la direttiva relativa ai rimborsi sui consumi del secondo trimestre 2018.

Per le cessioni di gasolio destinate a rifornire distributori privati di carburanti dai quali si approvvigionano veicoli poi indicati nella dichiarazione suddetta, resta non richiesta l’indicazione in fattura della targa del mezzo di trasporto in quanto tale modalità di fornitura osserva specifiche disposizioni che di seguito si richiamano, unitamente ai vincoli di circolazione dei prodotti energetici assoggettati ad accisa.

I soggetti indicati al comma 2 dell’art. 24-ter del TUA che siano anche titolari di distributore privato di carburante devono compilare, oltre al Quadro A-1 sopra richiamato con indicazione dei mezzi riforniti direttamente dalla propria cisterna, anche il Quadro B della dichiarazione afferente proprio tale impianto, specificandone, a seconda del campo compilato, le dimensioni (superiore o inferiore ai 10 mc). Nel caso di specie, laddove il carburante stoccato nel distributore privato venga utilizzato per rifornire ulteriori mezzi non soggetti a beneficio in quanto non rispettanti alcuni requisiti prescritti (ad es. massa massima complessiva, categoria euro, ecc.), il dichiarante dovrà indicare tali veicoli nell’apposito Quadro C.

Ciò ferma restando la possibilità per gli Uffici delle dogane, nell’esercizio dei poteri di controllo sul corretto impiego del prodotto, di prescrivere specifiche contabilizzazioni dei consumi che fossero necessarie per situazioni particolarmente circostanziate.

Qualora residuassero ulteriori eventuali dubbi di portata generale sulle modalità applicative della misura in questione, si valuterà la possibilità di adottare direttive nel senso sopra delineato.

per Il Capo dell’Ufficio ad interim

Il Funzionario delegato[i]

Dott. Gualtiero Cultrera

 


[i] ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 bis, comma 2, del decreto legge 19 giugno 2015, n. 78 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2015, n. 125 e per atto di delega prot. n. 653 del 13/01/2016

Informazioni aggiuntive

  • tipo di normativa: Agenzia Dogane
  • Data di emissione: Martedì, 24 Luglio 2018
  • Data di pubblicazione: Martedì, 24 Luglio 2018
  • Numero: 83664-RU
  • Ente: 2
  • Ente: Agenzia Dogane e Monopoli - D.C. legislazione e procedure accise

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008


Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution