Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Lettera aperta ai Trasportatori

 

Roma, 18 marzo 2020

Cari Amici,

desidero ricordare a tutti che l’Associazione è al Vostro fianco, con presenza puntuale e costante, per rispondere a ogni tipo di vostra necessità.

Siamo – e chi meglio di Voi può saperlo! – in un momento di straordinaria difficoltà, sanitaria ed economica, del Paese e del mondo intero.

Proprio per questo dobbiamo tutti cercare di fare al meglio il nostro dovere, innanzitutto rispettando le regole che in questo momento ci siamo dati per sconfiggere l’epidemia.

Forse proprio per la durezza di queste settimane, sembra che il Paese stia riscoprendo una propria capacità di unirsi e di fare squadra per fronteggiare il nemico comune. Perché, come molti dicono, siamo entrati in una specie di guerra. E l’arma migliore di cui disponiamo è la capacità delle persone di stare unite.

Per quanto riguarda il nostro settore, in questa nuova e drammatica situazione - forse per la prima volta in modo sincero - c’è il riconoscimento da parte della società della funzione essenziale svolta dai Trasportatori.

I nostri camion stanno assicurando la tenuta economica e sociale del Paese. Dopo i medici e gli infermieri, dopo le forze dell’ordine, a cui va il nostro sincero affetto, i trasportatori rappresentano la trincea che permette a noi tutti di resistere; con i rischi e le difficoltà che questo comporta, come ognuno di Voi sa. Oggi, essere trasportatori è motivo d’orgoglio.

Noi pensiamo che questo patrimonio di fiducia sia un capitale prezioso per il nostro mondo. Un po’, se vogliamo, come sta accadendo per la sanità pubblica, la quale, dopo essere stata ridotta al lumicino, adesso è al centro dell’attenzione generale, perché ci si è accorti della differenza decisiva tra avere e non avere un sistema sanitario efficiente.

Ci sarà tempo per approfondire questi ragionamenti, ma dobbiamo incominciare a pensarci fin da adesso. Perché una cosa è sicura: abbiamo davanti un nuovo, enorme cambiamento. Sia nella società che nell’economia, niente sarà più come prima.

Mentre ricevete questa lettera, stiamo studiando i provvedimenti che il Governo ha varato per il sostegno economico a persone e imprese (decreto “CURAITALIA” del 17.3.2020).

Stavolta, il nostro settore non è stato tagliato fuori. Visti i precedenti, non era scontato; perciò, non possiamo non apprezzare il riconoscimento ricevuto a livello istituzionale del nostro mondo. Ora, bisogna verificarne l’efficacia e, soprattutto, dobbiamo metterci in condizione di utilizzare gli strumenti di sostegno disponibili. Non appena possibile, non mancheremo di aggiornarvi, in maniera dettagliata, sulle misure di maggiore impatto per le Imprese di Autotrasporto.

Lo scopo di queste righe, semplici e sincere, è di rivolgere a Voi tutti un incoraggiamento ad andare avanti nel Vostro lavoro prezioso, a non sentirvi soli, a non esitare a chiamarci per qualsiasi motivo, nella certezza di trovare ascolto. La nottata passerà. E…andrà tutto bene!

Il Segretario Generale

Claudio Donati

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Marzo 2020 17:47

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008


Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution