Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Articoli filtrati per data: Dicembre 2018

Il decreto legge 135 - il cosiddetto Decreto Semplificazioni" di cui potrete leggere il testo sul nostro sito - ha previsto alcune misure di sostegno alle PMI che, pur vantando crediti nei confronti della P.A. si trovino a scontare difficoltà a far fronte ai propri impegni per gli ebìventuali ritardi con cui la Pubblica Amministrazione fa fronte ai prori obblighi di pagamento.

  • In particolare, l'art. 1 haistituito una Sezione Speciale nel Fondo di garanzia per le PMI al fine di aiutare le piccole e medie imprese che siano creditrici certificate nei confronti di Pubbliche Amministrazioni e che, nelle more dei pagamenti ad esse dovuti, abbiano richiesto prestiti bancari, per far fronte alle proprie insopperibili esigenze di liquidità, per la cui restituzione siano in difficoltà.

L’efficacia della misura di sostegno è tuttavia condizionata alla preventiva notificazione alla Commissione UE.

La Sezione Speciale avrà una dotazione iniziale di 50 milioni di euro e interverrà a fornire interventi di garanzia per quelle imprese che siano classificate dalla banca come Imprese con “inadempienze probabili”.

La garanzia della sezione speciale é rilasciata su finanziamenti già concessi alla PMI beneficiaria da una banca o da un intermediario finanziario, non già coperti da garanzia pubblica ed anche assistiti da ipoteca sugli immobili aziendali.

L'intervento avrà per oggetto quei finanziamenti classificati dalla stessa banca o intermediario finanziario come «inadempienze probabili» alla data di entrata in vigore del decreto, come risultante dalla Centrale dei rischi della Banca d'Italia.

La garanzia della sezione speciale coprirà, nella misura indicata da un successivo decreto interministeriale, il minore tra:

a) l'importo del finanziamento, non rimborsato dalla PMI beneficiaria alla data di presentazione della richiesta di garanzia, maggiorato degli interessi, contrattuali e di mora, maturati sino alla predetta data;

b) l'ammontare dei crediti certificati vantati dalla PMI beneficiaria verso la pubblica amministrazione, risultanti dalla piattaforma elettronica per la gestione telematica del rilascio delle certificazioni di cui all'articolo 7 del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64.

La garanzia non potrà comunque essere superiore all'80 per cento dell'importo minore tra quelli sopradescritti e comunque fino a un importo massimo garantito di euro 2.500.000,

La garanzia della sezione speciale é subordinata alla sottoscrizione tra la banca o l'intermediario finanziario e la PMI beneficiaria di un piano, di durata massima non superiore a 20 anni, per il rientro del finanziamento oggetto di garanzia.

Il successivo decreto interministeriale stabilirà le modalità, la misura, le condizioni e i limiti per la concessione, escussione e liquidazione della garanzia

  • L'art. 4 del Decreto semplificazioni ha infine modificato il Codice di Procedura Civile, per ciò che riguarda la materia dell’esecuzione forzata del debitore, al fine di alleggerire la disciplina del pignoramento nei confronti di quelle PMI che vantino crediti nei confronti delle P.A. e che, tuttavia, si trovino nelle condizioni di dover difendersi da un'esecuzione forzata richiesta da uno dei loro creditori
Pubblicato in News

L’art. 3, del decreto legge n. 135/2018 - il cosiddetto Decreto "Semplificazioni" -  ha abrogato l’art. 15 del decreto legislativo n. 151/2015 che prevedeva, a partire dal prossimo 1 gennaio 2019, la tenuta del Libto Unico del Lavoro presso il Ministero del Lavoro.

Tale disposizione, più volte rinviata per le difficoltà intrinseche alla sua attuazione (non è mai stato emanato il DM. attuativo), è stata, definitivamente, cancellata.

Pubblicato in News

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, ha pubblicato, in data 7 dicembre 2018, il Decreto Interministeriale n. 3453 del 22 ottobre 2018, concernente la riduzione, nella misura del 15,24 % per l’anno 2019, dell’importo dei premi e contributi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, di cui ai provvedimenti attuativi dell’articolo 1, comma 128, Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – cd. Legge di stabilità 2014).

La misura della riduzione per il 2019, è stata adottata sulla base della determinazione INAIL n. 356 dell’8 agosto 2018.

Pubblicato in News

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.281 del 3 dicembre scorso, la Legge n.132 del 1°dicembre 2018 di conversione del decreto legge 113/2018 noto anche come “decreto sicurezza”. Di seguito riportiamo tutte le novità che la legge in questione prevede.

Art. 93 CDS: le modifiche apportate all’articolo in questione vietano, a chi ha la residenza in Italia da più di 60 giorni, di circolare con veicoli immatricolati all’estero, ad eccezione dei casi in cui la disponibilità dei veicoli non si espleti con forme documentate come il leasing, comodato o noleggio (art.29 bis)

Pubblicato in News

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution