Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

ADR, il MIMS modifica le modalità di esame dei consulenti

Con decreto del Capo dipartimento trasporti del Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili del 4 marzo 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.71 del 23 marzo scorso, sono state introdotte alcune modifiche al Decreto Dirigenziale del 29 dicembre 2010 in merito all’esame di consulente per il trasporto di merci pericolose.

Tali modifiche sono state attuate vista la necessità di disciplinare in modo organico le modalità d’esame, nell’ipotesi che si chieda l'integrazione della/e specializzazione/i e/o l'estensione della/e modalità di trasporto di un certificato di formazione in corso di validità.

Entrando più nello specifico del provvedimento segnaliamo, di seguito, le principali modifiche introdotte:

  • Come recita il comma 2 dell’art.3 del decreto in oggetto “Non è possibile richiedere la specializzazione relativa alle merci individuate con i numeri UN 1202, 1203 e 1223, 3475, ed il carburante per aviazione classificato ai n. ONU 1268 o 1863 a coloro che sono titolari o richiedono la specializzazione relativa alle merci delle classi 3, 4.1, 4.2, 4.3, 5.1, 5.2, 6.1, 6.2, 8 e 9.”;

 

  • Come già a suo tempo reso noto dal MIMS nella circolare n. 9453 del 17 marzo scorso, sono state inserite delle modifiche specifiche per chi intende conseguire il certificato di consulente anche per vie d’acqua interne. Più nel dettaglio, visto il numero ridotto di richieste avanzate negli ultimi anni per ottenere questo tipo di certificato, il MIMS ha deciso di demandare la competenza al conseguimento alla Commissione operante presso l'Ufficio Motorizzazione Civile di Roma, integrata con un funzionario esperto della Direzione generale per la vigilanza sulle autorità portuali, le infrastrutture portuali ed il trasporto marittimo e per vie d'acqua interne. Ciò comporta che i candidati che intendono conseguire/estendere/rinnovare il certificato di consulente alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose per vie d'acqua interne, debbono inoltrare domanda alla Commissione di esame operante presso l'Ufficio Motorizzazione Civile di Roma, all'indirizzo PEC dell'UMC di Roma.

 

  • Con il decreto in esame è stata rivista la modalità di presentazione delle richieste di ammissione agli esami. Le stesse, infatti, devono essere redatte secondo il fac-simile allegato al DD 29.12.2010 (come modificato dal DD in commento), devono essere firmate digitalmente o accompagnate da una copia di un documento di identità in corso di validità ed inviata a mezzo PEC, unitamente alla copia del versamento dell'imposta di bollo sul conto corrente postale 4028, all'indirizzo di posta elettronica certificata degli UMC dove opera le Commissione di esame adita.  La richiesta di esame deve obbligatoriamente contenere l'indirizzo PEC dove il candidato intende ricevere la convocazione e le comunicazioni relative all'esame. Le attestazioni dei diritti dovuti per sostenere l'esame devono essere prodotte in originale preliminarmente all'inizio della seduta di esame, in assenza il candidato non potrà sostenere la prova;

 

  • La Divisione 3 della Direzione Generale per la Motorizzazione coordina le attività delle Commissioni di esame e mantiene aggiornata la raccolta dei quiz e studi dei casi, per le tre modalità di trasporto, resa disponibile ai candidati sul sito istituzionale dell'Amministrazione ilportaledellautomobilista.it quali esempi per la preparazione alla prova;

 

  • È stato modificato il punto 4, allegato 1 del D.D. del 2010, che disciplina l’esame di candidati già titolari di un certificato di formazione in corso di validità, in particolare per quanto riguarda le integrazioni di una o più specializzazioni (diversa da quella per i prodotti petroliferi), e/o l’estensione per una o più modalità di trasporto non posseduta. Si stabilisce inoltre che non è possibile il rinnovo del certificato posseduto e, contemporaneamente, l’estensione della sua validità ad altre modalità e/o specializzazioni.

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 25 Marzo 2021 13:20

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook



INFORMATIVA PRIVACY

Termini e condizioni d'utilizzo

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution