Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Trasporto transfrontaliero di rifiuti: imprese svizzere e UE pari sono

L’Albo Nazionale Gestori Ambientali con la propria Circolare n. 5 del 9 maggio 2019, ha fornito chiarimenti in merito alla documentazione necessaria per le imprese svizzere ai fini dell’iscrizione alla categoria 6 (trasporto transfrontaliero di rifiuti) dell’Albo Gestori.

In base all’Accordo sui trasporti stradali tra la UE e la Confederazione svizzera del 2002, infatti, la licenza comunitaria è equiparata alla licenza svizzera rilasciata ai vettori stradali della Confederazione per il trasporto internazionale di merce da/verso Paesi UE, che è liberalizzato.

Anche i requisiti necessari per l’ottenimento di tale licenza sono gli stessi previsti dalle norme unionali e di conseguenza i vettori svizzeri sono equiparati, in quanto a documentazione da presentare per l’iscrizione in categoria 6, ai vettori comunitari.

Resta inteso invece che ai fini della dimostrazione della regolarità contributiva, previdenziale ed assistenziale a favore dei lavoratori, la verifica deve essere effettuata esclusivamente sui primi due pilastri del sistema previdenziale della Confederazione in quanto obbligatori (e corrispondenti al nostro INPS ed INAIL) e non sul c.d. “terzo pilastro” che attiene alla previdenza individuale facoltativa

Ultima modifica il Lunedì, 13 Maggio 2019 17:37

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution