Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Spagna, il governo ha istituito il registro dei “falsi lavoratori autonomi”

spagna 533x400Il governo spagnolo, nella persona del Ministro del Lavoro, Magdalena Valerio, ha formalizzato l’istituzione di un particolare registro mediante il quale le imprese dovranno annotare i lavoratori autonomi che utilizzano quasi esclusivamente in regime di subappalto, ovvero coloro che maturano un reddito che, per il 75%, scaturisce da rapporti di lavoro con una singola impresa.  

La novità introdotta dall’esecutivo di Madrid comporterà come conseguenza, per questa tipologia di lavoratori, il passaggio ad uno status di “falso lavoratore autonomo” determinando così, per tutti coloro che rientrano in questa categoria, una serie di effetti in materia di ferie (spetteranno loro 18 giorni l’anno) e di congedo di maternità e paternità.

La creazione del registro riprende, in parte, quanto già previsto da una legge del 2007 che non ha trovato, fino ad ora, applicazione nell’ordinamento giuridico spagnolo e che ha come finalità quella di sollecitare la società contraente a riconoscere lo status di “falso lavoratore autonomo”. In ogni caso, se è vero che l’esistenza del registro non implica, nella maniera più assoluta, l’assunzione dei lavoratori in questione, è altrettanto vero che può rendere possibile stabilire le condizioni in termini di orario di lavoro e di riposo.

La presenza del registro, e quindi della nuova disciplina, imporrà a questa nuova categoria di lavoratori, qualora gli stessi vogliano risolvere il contratto con la “società sponsor”, la comunicazione di preavviso nonché il pagamento di eventuali indennizzi in caso di cessazione dei rapporti commerciali posti in essere.

La questione non riguarda solo, ovviamente, il settore del trasporto su strada, tuttavia l’alto tasso di esternalizzazione del settore stesso, ancora altamente frammentato, ha costretto il governo spagnolo a dedicargli particolare attenzione.

Infatti, in Spagna, secondo gli ultimi dati pubblicati dall’ UPTA (Union of Self-Employed Workers), un numero di conducenti compreso tra le 50.000 e le 350.000 unità sono dei falsi dipendenti ovvero sono in realtà dei subappaltatori che lavorano con un veicolo di loro proprietà al servizio di una determinata impresa.

Intanto, il Ministro, Magdalena Valerio, ha annunciato che tra sei mesi, per le imprese che non terranno aggiornato il registro, scatteranno le prime sanzioni.

 

Ultima modifica il Giovedì, 30 Agosto 2018 19:45

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution