Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale  ha emanato delle linee guida per consentire agli autotrasportatori di presentare le domande di ristoro dei danni – diretti ed indiretti - subiti  dagli autotrasportatori.

Esse fanno seguito all’Avviso pubblicato sul sito istituzionale di AdSP - Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale il 5 marzo 2019 che abbiamo, a suo tempo, pubblicato sul nostro sito.

Le linee guida per la richiesta di adesione al Servizio, che pubblichiamo anch’esse in allegato, contengono:

L’Anas, con nota CDG-0206718-P del 10 aprile 2019, ha comunicato che dal 15 aprile p.v. i titolari di autorizzazioni periodiche con massa complessiva a pieno carico superiore alle 44 ton e in corso di validità, prima di ogni viaggio, dovranno inviare un preavviso di transito tramite TEWEB (la piattaforma per trasporti eccezionali di Anas) e le relative comunicazioni di inizio e fine viaggio dovranno essere trasmesse tramite TEWEB APP.

A pochi giorni dall'ennesima scadenza entro la quale dovrebbe esser definitivamente fissati i termini della BREXIT e delle conseguenti mofìdifiche alle norme che regolano i rapporti tra Gran Bretagna ed Unione Europea, vige ancora la massima incertezza su cosa davvero ci attenda e, soprattutto, cosa attenda quei trasportatori che si recano periodicamente nel Regno Unito per caricare o scaricare le merci.

Il Parlamento europeo ha approvato ieri, in piena “zona Cesarini”,  la parte del pacchetto Trasporti riguardante cabotaggio, distacco, riposo settimanale e lotta alle letter-box.

Questo consentirà di poter continuare a ricercare, nella prossima legislatura, l’intesa definitiva con la Commissione ed il Consiglio.

Ma soprattutto eviterà che, con lo scioglimento del Parlamento ormai alle porte, finisse per essere vanificato un lungo e complesso lavoro di anni - che ha visto direttamente coinvolti tanto la Commissione che i Governi nazionali,  tanto i Parlamentari della Commissione Trasporti quanto le principali e più autorevoli rappresentanze sociali e le organizzazioni sindacali europee del settore - per giungere ad una prima sistemazione di una materia oggettivamente complessa che fosse in grado di far convergere punti di vista talvolta sideralmente distanti e interessi assai diversi tra loro dei diversi Paesi membri.

Sono sostanzialmente concordi, sul voto di ieri a Bruxelles, i giudizi di ASSOTIR e dell'UETR  come dimostra il comunicato che pubblichiamo nella versione originale inglese ed in una nostra traduzione non ufficiale

Si comunica che il calendario del senso unico alternato che si applicherà nel mese di aprile 2019 per consentire i lavori per il miglioramento della sicurezza all'interno del Traforo del Frejus ha subito delle variazioni.

Si pubblica, pertanto, l'aggiornamento del transito a senso alternato del 17 aprile prossimo venturo.

In allegato è possibile scaricare il calendario di aprile 2019 e l'aggiornamento al transito sopracitato

Sono stati pubblicati, sul sito del Ministero del Lavoro e oggi sul nostro sito, cui i lettori di Assotir.it possono accedere registrandosi gratuitamente – ove non lo avessero già fatto - i due decreti interministeriali del 27 febbraio 2019, che fissano le nuove tariffe per l'assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali, rispettivamente nel settore INDUSTRIA, ARTIGIATO E TERZIARIO e PER LE IMPRESE ARTIGIANE dello stesso settore.

I decreti, come avevamo annunciato qualche giorno or sono sul nostro sito, in attuazione della legge di Bilancio 2019 aggiornano le tariffe in considerazione del più recente andamento infortunistico e delle nuove prestazioni assicurate dall'Inail, rivedendo il nomenclatore delle lavorazioni, i tassi e le modalità di applicazione della tariffa.

In particolare, per quanto riguarda l’autotrasporto stradale, si segnala che il tasso medio di premio passa dal 130 per mille al 110 per mille, determinando quindi un ribasso medio del 18%.

Nella mattinata di martedì 2 aprile 2019, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla presenza del Vice Capo di Gabinetto del MIT, Dr.ssa Teresa Di Matteo, si è tenuto l’incontro con le Associazioni dell’autotrasporto sulla questione riguardante la ripartizione dei fondi strutturali per il settore, pari a 240 milioni di euro, per il triennio 2019-2021.

Con la circolare n. 1 del 29 marzo 2019, a firma del Capo Dipartimento, la Direzione Generale per il Trasporto Stradale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dettato nuove istruzioni per il caso di operazioni di trasferimento, da una provincia ad un’altra, della sede legale di un’impresa iscritta all’Albo degli autotrasportatori ed al REN.

Attualmente, infatti, le procedure informatiche in essere hanno evidenziato difficoltà a concludere l’operazione in tempi brevi, oltre al fatto che la motorizzazione della provincia di partenza deve oggi cancellare l’impresa (dall’Albo e a volte anche dal REN) prima ancora che la UMC di destinazione possa procedere alla sua nuova iscrizione.

Con la nuova procedura  viene precisato che tutta l’operazione di trasferimento va fatta tempestivamente a partire da quando la variazione della sede è stata registrata presso il registro delle imprese, tenuto dalla Camera di Commercio.

Da quel momento, l’impresa deve inviare, riempiendo il modello C, allegato alla circolare ministeriale n. 4 del 24 luglio 2015, una comunicazione di avvenuto trasferimento della sede, sia alla Motorizzazione di partenza, sia a quella di destinazione.

La UMC di partenza, ricevuta la comunicazione, verifica la correttezza dei dati e dei requisiti dell’impresa iscritta, l’avvenuto cambio di sede legale nel registro imprese e procede con l’avvio della nuova procedura informatica di trasferimento alla UMC della nuova sede legale, senza cancellare l’impresa dal REN e dall’Albo.

La UMC di destinazione, ricevuta telematicamente la notizia dell’avvenuto ambio di competenze, provvede ad attribuire all’impresa un nuovo numero di Albo (aggiornandone i dati nel sistema informatico: indirizzo sede, nuova CCIAA di riferimento ed eventualmente anche quelli relativi allo stabilimento, qualora richiesti dall’impresa nella comunicazione), mentre il numero di REN rimane identico, posto che la sua numerazione è unica e nazionale.

La circolare precisa infine che il trasferimento di competenze, da una UMC ad un’altra, non necessita l’avvio di alcun tipo di procedimento volto all’accertamento dei requisiti per l’esercizio della professione di autotrasportatore posseduti dall’impresa, pur restando ferma la possibilità, per gli U.M.C. di esercitare in ogni momento – sulla base di specifiche ragioni che ne determinassero la necessità - il proprio potere di verifica del perdurare della regolarità dell’iscrizione all’Albo e dei presupposti per l’esercizio dell’attività.

L’Agenzia delle Dogane, con nota Prot. 33989/RU del 25 marzo scorso, ha resto noto che potrà essere presentata la richiesta per il rimborso della accise dal 1° al 30 aprile 2019 sui consumi di gasolio effettuati nel I° trimestre 2019 (il periodo compreso tra il 1° gennaio ed il 31 marzo 2019), riguardante i veicoli destinati al trasporto merci di massa complessiva pari o superiore alle 7,5 tonnellate e con l’esclusione dei veicoli appartenenti alla classe ecologica 2 o inferiore.

Cerca

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution