Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

La Spezia: Assotir dal Prefetto per la convocazione di un tavolo istituzionale

Nella mattinata di martedì 28 maggio 2019, presso il palazzo della Prefettura di La Spezia, si è svolto l’incontro tra il Capo di Gabinetto del Prefetto, Dr. Edoardo Lombardi,  e la delegazione della locale sede provinciale di Assotir guidata dal Presidente Sandro Spinetta e dal Segretario Stefano Tognoni; al confronto era presente anche il Responsabile alle Infrastrutture e Portualità della nostra Associazione, Patrizio Loffarelli.

La richiesta di incontro era stata avanzata alla Prefettura con forte sollecitudine da parte di Assotir visti i forti disagi che quotidianamente vivono le imprese di autotrasporto spezzine operanti nella locale realtà portuale, considerata per volumi di traffico merci tra le più importanti del nostro Paese.

Durante la mattinata il Presidente Spinetta ha spiegato le ragioni che hanno spinto Assotir La Spezia a chiedere un confronto con la Prefettura: “Da troppo tempo, ormai, noi autotrasportatori che lavoriamo nel settore dei container, e quindi viviamo la realtà del Porto tutti i giorni, siamo in una condizione che definire critica è probabilmente riduttivo”.

“Sotto il profilo infrastrutturale il Porto e le aree circostanti ad esso non aiutano certamente la nostra categoria a lavorare nel migliore dei modi”, ha proseguito Spinetta. “Basti pensare al parcheggio antistante il porto che, in virtù delle tempistiche eccessive per effettuare le operazioni di aggancio dei container, non permette di far defluire correttamente il flusso oceanico dei mezzi che si trovano in attesa di caricare, tanto per fare un esempio”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è stato anche l’intervento di Tognoni: “I tempi di attesa molto lunghi, oltre che impedirci di svolgere più viaggi in un giorno, generano degli incolonnamenti pericolosissimi lungo le carreggiate e nelle aree retroportuali, rappresentando così un pericolo notevole per la sicurezza di tutti, non solo dei trasportatori e su questo non tema non possiamo far finta di nulla”.

A chiedere la convocazione di un tavolo istituzionale per affrontare le tematiche della sicurezza ed altre più strettamente tecniche relative alla realtà portuale di La Spezia è stato Patrizio Loffarelli: “Come rappresentante di Assotir e come operatore nel porto di Civitavecchia, che rappresenta la realtà in cui mi sono formato e provengo, vorrei riproporre qui a La Spezia il percorso intrapreso dagli autotrasportatori nel porto di Roma. C’è stato un tempo in cui tutte le decisioni prese in relazione al nostro porto che interessavano i trasportatori non li vedevano coinvolti in prima persona. Abbiamo così capito che bisognava fare squadra per essere protagonisti nei processi decisionali ed oggi, a Civitavecchia, le Istituzioni ci riconosco come tali e sanno che se vogliono discutere di qualunque problema devono farlo anche con i traportatori”.

Per riproporre questo modello a La Spezia – ha proseguito Loffarelli -  è necessario avviare un dialogo costruttivo con tutte le autorità locali ed è per questo che chiediamo al Prefetto di convocare, quanto prima, un tavolo in cui siano presenti oltre che noi Autotrasportatori, anche l’Autorità di Sistema Portuale del mar ligure Orientale, la Capitaneria di Porto, le Dogane, l’Assessorato ai trasporti della Regione Liguria, i sindaci di Santo Stefano di Magra e Vezzano Ligure per discutere in merito alle aree retroportuali, gli organi di polizia locale ed ogni altro soggetto che abbia competenza ed operi nel porto di La Spezia al fine di avanzare le proposte di Assotir per migliorare la condizione di forte criticità in cui vivono le nostre imprese ”.

Il Capo di Gabinetto del Prefetto, Dr. Lombardi, ascoltate le istanze e condiviso quanto esposto dalla delegazione di Assotir ha comunicato che, una volta informato il Prefetto, e successivamente alla festa del 2 giugno ormai prossima, coordinerà le varie autorità al fine di convocare il tavolo richiesto dalla nostra Associazione.

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Maggio 2019 11:32

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution

Please publish modules in offcanvas position.