Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Divieti di Circolazione: il Consiglio di Stato riconosce alle Prefetture autonomia di giudizio...

    Venerdì, 21 Settembre 2018 17:44
  • Privacy: dal 19 settembre scorso è entrato in vigore il DLgs riguardante la protezione dei dati...

    Giovedì, 20 Settembre 2018 18:05
  • Manifestazione dei sindaci di Lazio e Abruzzo davanti al MIT: anche Assotir presente per dire...

    Mercoledì, 19 Settembre 2018 15:50
  • Distacco dei lavoratori: la Corte di Giustizia Europea emana una sentenza in merito alla validità...

    Venerdì, 14 Settembre 2018 16:19
  • Ricorsi nei casi di sospensione e revoca della patente per carenze psicofisiche: una nota del MIT...

    Venerdì, 14 Settembre 2018 13:41
  • Bando ISI 2017, pubblicati sul sito web dell’INAL gli elenchi definitivi delle domande inoltrate

    Lunedì, 10 Settembre 2018 10:53

Civitavecchia, Assotir torna sulla battaglia delle Viacard. Loffarelli: ”Il rifinanziamento della legge 59/89 farebbe rifiatare le tasche degli autotrasportatori”. Donati: “Non può essere una spesa accessoria, dobbiamo salvaguardare le nostre imprese"

Viacard CivitavecchiaSi è tenuta nella mattinata di lunedì 4 giugno 2018, presso l’hotel San Giorgio di Civitavecchia, la conferenza stampa organizzata da Assotir per tornare a discutere dei problemi connessi all’annosa questione, purtroppo ancora attuale, delle Viacard che gli autotrasportatori locali dovrebbero vedersi riconosciute per percorrere il tratto autostradale Santa Marinella – Civitavecchia.

All’incontro erano presenti oltre al Rappresentate di Assotir al tavolo di Partenariato dell’Autorità di Sistema Portuale per il Tirreno Centro Settentrionale, nonché rappresentante del Consorzio degli autotrasportatori di Civitavecchia, Patrizio Loffarelli e il Segretario Generale di Assotir, Claudio Donati, anche gli esponenti locali della Commissione Trasporti della Regione Lazio, in particolare l’On. Marietta Tidei e i Consiglieri Gino de Paolis e Devid Porrello ed infine, in rappresentanza dell’autorità comunale, Francesco Fortunato, presidente della commissione lavoro.

Ricostruendo brevemente la vicenda, ricordiamo che con la legge Regionale 59/1989, a seguito del dirottamento del traffico pesante dall’interno delle strade comunali di Santa Marinella verso l’autostrada per raggiungere Civitavecchia, (dal momento che non esistevano e non esistono percorsi alternativi) vennero stanziati dei finanziamenti, sotto forma di viacard autostradali, a favore degli autotrasportatori, per sostenere il pagamento del pedaggio per giungere da Civitavecchia a Santa Marinella e viceversa.

Nel corso del tempo la legge Regionale 59/1989 ha subito alterne vicende fino a quando, dal 2009, non è mai più stata rifinanziata (ufficialmente per ragioni strettamente economiche) dalle diverse giunte regionali: ne’ sotto l’amministrazione Marrazzo ne’ tantomeno durante il mandato della Polverini.

Il tutto ha prodotto degli enormi disagi sui bilanci delle imprese di trasporto, incapaci di ribaltare il costo del pagamento del pedaggio obbligatorio sul prezzo del servizio di trasporto reso alla committenza.

Nella conferenza stampa, Patrizio Loffarelli ha ricordato alcuni numeri per denunciare quali danni ha prodotto il mancato rifinanziamento della Legge 59/89 per le imprese di trasporto locali: “circa 300 sono i mezzi che tutti i giorni compiono il tratto obbligato di autostrada; 12.000 euro a veicolo è considerato il costo del gasolio che le imprese devono sostenere in più per effettuare il percorso obbligato; circa 37.000 euro è il mancato guadagno che un’impresa subisce per effettuare questo percorso piuttosto che un altro; 35 minuti in più di guida è il tempo di percorrenza medio che un autista impiega per poter effettuare la tratta autostradale Santa Marinella – Civitavecchia”.

Vi dico questo per far capire la portata degli oneri che gravano sulle nostre imprese che lavorano con il porto senza la Legge 59/89, il cui rifinanziamento - ha proseguito Loffarelli -  sulla base di circa 250.000 euro, potrebbe far rifiatare le tasche degli autotrasportatori”.

Sulla questione è intervenuto il Segretario Generale di Assotir, Claudio Donati, specificando ”Come Assotir non ci vogliamo tirare fuori dalle dinamiche che possono riguardare l’amministrare un Ente importante come una Regione ma ci rifiutiamo di pensare che il rifinanziamento della Legge in questione sia visto solo come una spesa accessoria. Se così fosse la Regione Lazio dovrebbe abrogarla e noi, politicamente parlando, non potremmo accettarlo”.

Il Consigliere De Paolis, così come la Tidei, hanno dato la disponibilità ad ottenere un incontro in Regione con l’assessorato al bilancio ed ai trasporti per cercare di trovare una soluzione al riguardo anche se la Tidei stessa ha avanzato un’ipotesi da non sottovalutare: ”Mi sembra strano che il mancato rifinanziamento della Legge Regionale 59/1989 possa essere solo una questione di bilancio, non vorrei che questo tipo di aiuti siano configurabili come aiuti di Stato, per questo dobbiamo muoverci nell’ambito delle cose che realmente si possono fare da un punto di vista normativo”.

Riprendendo la parola il consigliere De Paolis ha formulato un’ulteriore proposta: ”Nella scorsa legislatura ammetto che non ci siamo riusciti ma sarebbe opportuno pensare durante questo nuovo mandato ad un declassamento per il tratto di autostrada interessato”.

Di tutt’altro avviso è stato invece il consigliere Porrello che ha ipotizzato il rischio di “tempi estremamente lunghi per parlare di declassamento, più opportuno parlare di convenzione autostradale tra Civitavecchia Nord e Sud da attuare con Autostrade per l’Italia in sinergia con tutte gli enti del territorio”, posizione questa sposata anche dall’assessore Fortunato “Visto che l’Autostrada ci guadagna perché non cercare un accordo direttamente con il gestore?

Molti spunti sono arrivati anche dal folto numero di autotrasportatori presenti in sala: da chi ha proposto di adeguare il tratto di strada allo svincolo di Santa Lucia (dal quale si risparmierebbero circa 20-25 km a viaggio), a chi vorrebbe che il Comune trovasse un percorso alternativo senza gravare sulle tasche dei trasportatori.

Tutte posizioni chiare e condivisibili ma come dichiarato congiuntamente da Donati e Loffarelli: “bisogna agire sul concreto e su ciò che già esiste. Per questo chiederemo, insieme alle autorità che sono intervenute oggi, il rifinanziamento in Regione della Legge 59/89. Detto questo ricordiamo che l’azione di Assotir nei prossimi mesi andrà avanti perché quella della Viacard è solo una delle tante battaglie da fare – ha proseguito Donati – per salvaguardare le attività portuali e più in generale le nostre imprese di trasporto dalle quali dipende la forza e il buon andamento della nostra economia.”

NEWS SERVIZI

Privacy e sicurezza dei dati: Trasfoservice offre alle aziende soluzioni di qualità in materia del nuovo Regolamento Europeo 2016/679

privacyIl nuovo Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali ha mutato profondamente la normativa precedente e prevede che a partire dal 25 maggio 2018, le misure siano implementate in tutte le aziende che gestiscono dati relativi ai cittadini dell’Unione Europea, in qualsiasi Paese sia basata l’organizzazione.

L’inosservanza delle norme comporta gravi sanzioni, che possono arrivare fino al 4% del fatturato globale annuo dell’impresa.

Leggi tutto...

Geolocalizzazione e gestioni dati Cronotachigrafo, il Sistema Assotir offre risposte concrete alle esigenze degli autotrasportatori

geolocalizzazioneIl sistema Assotir è in grado di dare una efficace risposta alle esigenze di gestione della flotta automezzi con l’adozione di software e apparati, a costi di noleggio mensile, estremamente contenuti che permettono sia la geolocalizzazione che lo scarico e la gestione dei dati del cronotachigrafo.

Leggi tutto...

Capacità Professionale, Trasfoservice organizza un nuovo corso a partire dal prossimo 2 luglio 2018

logo trasfoTrasfoservice 2001 Srl a Socio Unico, società facente parte del Sistema Assotir, organizza un nuovo corso per ottenere l’idoneità professionale per svolgere il ruolo di Gestore dei Trasporti in tutte quelle imprese che operano sul mercato con un parco veicolare fino a 3,5 tonnellate.

Il corso, di 74 ore complessive, si svolgerà presso la nostra sede sita in Via Santa Caterina Albanese 8, 00173 Roma, a partire dal 2 luglio 2018.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us