Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è svolta nella mattinata di lunedì 21 gennaio 2019, presso l’hotel San Giorgio di Civitavecchia, la conferenza organizzata da Assotir dal titolo “2018 – Un anno su strada. Percorsi e Prospettive del Trasporto”, alla quale erano presenti, per la nostra Associazione, il rappresentate al tavolo di partenariato dell’Autorità di Sistema Portuale del Tirreno Centro Settentrionale, nonché Direttore del Consorzio dei trasportatori locale, Patrizio Loffarelli, e il Segretario Generale di Assotir, Claudio Donati.

A seguito della chiusura al traffico, disposta dalla Procura della Repubblica di Arezzo, della statale 3bis “Tiberina” (E45), in entrambe le direzioni, tra gli svincoli di Canili e Valsavignone, in corrispondenza del confine tra le province di Arezzo e Forlì Cesena a causa del sequestro preventivo del viadotto “Puleto” nel comune di Pieve Santo Stefano, Assotir, nella persona del Segretario Generale, Claudio Donati, chiede urgentemente alle Istituzioni la costituzione di un tavolo per affrontare l'emergenza sorta dopo la chiusura del viadotto stesso.

Anas e Viabilità Italia hanno comunicato che dalle ore mercoledì 16 gennaio 2019 è stata chiusa al traffico la strada statale 3bis “Tiberina” (E45), in entrambe le direzioni, tra gli svincoli di Canili e Valsavignone, in corrispondenza del confine tra le province di Arezzo e Forlì Cesena a causa del sequestro preventivo del viadotto “Puleto” nel comune di Pieve Santo Stefano, disposto su ordine della Procura della Repubblica di Arezzo. 

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato, tramite il proprio portale online, che a seguito dell’entrata in vigore della Legge n.136 del 17 dicembre 2018 (legge di bilancio 2019) è stata incrementata la dotazione finanziaria relativa alle misure agevolative a favore degli autotrasportatori per il 2018.

Si ricorda che le imprese con almeno 15 dipendenti, entro il prossimo 31 gennaio, dovranno procedere all’invio telematico del Prospetto informativo disabili con la situazione occupazionale riferita allo scorso 31 dicembre, per le finalità previste dalla Legge 68/1999 (norme per il diritto al lavoro dei disabili).

Sono stati pubblicati, sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, due elenchi riguardanti le imprese beneficiarie dei contributi alla formazione per l’annualità 2017/2018 (cosiddetta formazione MIT 8).

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato sul proprio sito web l’aggiornamento del costo del gasolio per autotrazione al netto di Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, relativo al mese di gennaio 2019, basato sui dati di costo al consumo del gasolio nel mese di dicembre 2018.  

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.5 del 7 gennaio 2019 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 28 dicembre 2018 che interviene sulle modalità di assolvimento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche.

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 28 dicembre 2018 Modifiche al decreto 17 giugno 2014, concernente le modalità di assolvimento dell'imposta di bollo su fatture elettroniche. (19A00047)

(GU n.5 del 7-1-2019)

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, che istituisce e disciplina l'imposta sul valore aggiunto e, in particolare, gli articoli 21, 35 e 39, che rispettivamente dettano disposizioni in materia di fatturazione delle operazioni, disposizioni regolamentari concernenti le dichiarazioni di inizio, variazione e cessazione attività e tenuta e conservazione dei registri e dei documenti;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, concernente la disciplina dell'imposta di bollo;

Visto l'art. 1, comma 211, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, concernente la trasmissione delle fatture elettroniche attraverso il sistema di interscambio istituito dal Ministero dell'economia e delle finanze;

Visto il decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, concernente la trasmissione telematica delle operazioni I.V.A. e di controllo delle cessioni di beni effettuate attraverso distributori automatici, in attuazione dell'art. 9, comma 1, lettere d) e g) della legge 11 marzo 2014, n. 23;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, recante «Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa»;

Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modifiche e integrazioni, recante «Codice dell'amministrazione digitale» e, in particolare, l'art. 21, comma 5, il quale stabilisce che «Gli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto sono assolti secondo le modalità definite con uno o più decreti del Ministro dell'economia e delle finanze, sentito il Ministro delegato per l'innovazione e le tecnologie»;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 2 marzo 2011, recante «Modalità, limiti e tempi di applicazione delle disposizioni del codice dell'amministrazione digitale all'Agenzia delle entrate»; Visti i decreti del Presidente del Consiglio dei ministri 22 febbraio 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 117 del 21 maggio 2013, e 3 dicembre 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 2014, attuativi del codice dell'amministrazione digitale;

Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 17 giugno 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 26 giugno 2014, n. 146, concernente modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto;

Ritenuta la necessità di ridefinire le modalità di attuazione degli obblighi fiscali concernenti l'assolvimento dell'imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche;

Sentito il Ministro per la pubblica amministrazione;

Decreta:

Art. 1

Modifiche alle modalità di assolvimento dell'imposta di bollo su fatture elettroniche

  1. Il comma 2 dell'art. 6 del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 17 giugno 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 26 giugno 2014, n. 146, è sostituito dal seguente: «Il pagamento dell'imposta relativa agli atti, ai documenti ed ai registri emessi o utilizzati durante l'anno avviene in un'unica soluzione entro centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio. Il pagamento dell'imposta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare è effettuato entro il giorno 20 del primo mese successivo. A tal fine, l'Agenzia delle entrate rende noto l'ammontare dell'imposta dovuta sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso il Sistema di interscambio di cui all'art. 1, commi 211 e 212, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, riportando l'informazione all'interno dell'area riservata del soggetto passivo I.V.A. presente sul sito dell'Agenzia delle entrate. Il pagamento dell'imposta può essere effettuato mediante il servizio presente nella predetta area riservata, con addebito su conto corrente bancario o postale, oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall'Agenzia delle entrate. Le fatture elettroniche per le quali è obbligatorio l'assolvimento dell'imposta di bollo devono riportare specifica annotazione di assolvimento dell'imposta ai sensi del presente decreto».

Art. 2

Efficacia

  1. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle fatture elettroniche emesse dal 1° gennaio 2019. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 28 dicembre 2018                                                                                                                           Il Ministro: Tria

Con la pubblicazione in G.U. della Legge di Bilancio 2019 che ha previsto la revisione dei premi INAIL (art.1, comma 1121) ed in attesa dei conseguenti provvedimenti attuativi, l’Inail ha emanato, sul proprio sito Internet, il comunicato del 04 gennaio 2019 con il quale detta le nuove scadenze relative all’autoliquidazione 2018-2019.

Pagina 1 di 76

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution