Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Pedaggi e mobilità stradale: Il Parlamento Europeo avvia nell’Unione misure volte a migliore...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 17:39
  • Trasporto urbano e interurbano in Spagna, Fenadismer denuncia il comportamento illecito delle...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 15:56
  • Calendario dei Divieti: il Tar accoglie il ricorso del Codacons ma, per il momento, nulla cambia...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 12:19
  • Pedaggi Autostradali 2017, il Comitato Centrale dell’Albo approva la delibera di base che avvia...

    Giovedì, 24 Maggio 2018 18:39
  • Revisione dei veicoli, il MIT emana un nuovo provvedimento dove detta le disposizioni legate...

    Martedì, 22 Maggio 2018 17:40
  • Raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi: l’Albo Nazionale Gestori Ambientali fissa i...

    Martedì, 22 Maggio 2018 16:51

Anna Vita Manigrasso: il mio augurio per il 2015 è che si sappia ritrovare unità e compattezza nella difesa degli interessi dell'autotrasporto

on . Postato in News

Io continuo a rimanere dell'idea che i trasportatori non hanno colore politico e tanto meno sono diversi tra loro a seconda della loro appartenenza ad una o all'altra Associazione. I loro problemi, anzi i nostri problemi - visto che con le esigenze di mantenere in equilibrio un’azienda di vezione io, come moltissimi altri amici e colleghi, ci combatto quotidianamente - sono tutti più o meno uguali, nascono tutti dalle medesime ragioni e necessitano tutti delle medesime soluzioni. Sarebbe bene che questo, alcuni esponenti sindacali, anche ai massimi livelli, si affrettassero a comprenderlo. Altrimenti non ci sarà futuro né per gli autotrasportatori né, a maggior ragione, per le Associazioni che dovrebbero rappresentarli e di cui essi sono, come del resto io stessa, dirigenti.

Cari colleghi ,

come ben sapete il 5 settembre scorso la Corte  di Giustizia  Europea si è espressa in maniera negativa in relazione ai "Costi minimi  della sicurezza".

Confindustria e Confetra hanno gridato alla vittoria e fin qui posso capire la loro esultanza, in quanto ,loro rappresentano la controparte dell'autotrasporto.

Quello che mi rimane più complicato comprendere è perché non c'è stata una coesione unitaria  da parte di  UNATRAS  subito dopo che il TAR aveva passato la palla alla Corte di Giustizia Europea?

Perché non si è voluto riunire un tavolo di lavoro tecnico  come io in prima persona ho richiesto  più volte a nome di ASSOTIR   affinché  si lavorasse a trovare una forma di tutela per la sicurezza delle piccole e medie imprese dell'autotrasporto italiano? Perché non ci siamo creati questo salvagente che salvaguardasse le P.M.I. dell'autotrasporto?

Siamo così arrivati alla convocazione del 6 novembre da parte del Ministro Lupi che ci ha presentato un documento con alcuni emendamenti da inserire nella legge di stabilità.

Visto che il documento del Ministro sembrava essere la copia –peggiorata – di quello che a suo tempo Confetra insieme a  Confindustria avevano presentato come soluzione per il superamento della legge sui costi minimi, lo abbiamo – tutti - ritenuto inaccettabile. 

Ci siamo dovuti  riunire ben tre volte in UNATRAS nel tentativo di migliorare quel documento e per salvaguardare gli interessi degli autotrasportatori e se vi devo dire che sono soddisfatta del punto a cui siamo arrivati,  dovrei dirvi un'enorme bugia. E’ meglio e più onesto dire che .....si è cercato di salvare il salvabile.

Questo, a mio parere, è il risultato logico di una mancanza di  un pensiero coeso e di uno spirito unitario che è venuto a mancare – e non da oggi - all'interno  di UNATRAS.

La responsabilità, a mio parere, è prima di tutti della  CNA FITA, che invece di lavorare all'interno di UNATRAS per far sì che tutti insieme si riuscisse a tutelare le P.M.I. dell'autotrasporto e salvaguardare i loro reali interessi – ha scelto di portare avanti una sorta di guerriglia individuale, il più delle volte basata sulla ricerca ossessiva ed incomprensibile di ritorni di immagine personale, che ha finito per portare solo disgregazione e danno alle nostre imprese.

Io continuo a rimanere dell'idea che i trasportatori non hanno colore politico e tanto meno  sono diversi tra loro a seconda della loro appartenenza ad una o all'altra Associazione.

I loro problemi, anzi i nostri problemi - visto che con le esigenze di mantenere in equilibrio un’azienda di vezione io, come moltissimi altri amici e colleghi, ci combatto quotidianamente -  sono tutti più o meno uguali, nascono tutti dalle medesime ragioni e necessitano tutti delle medesime soluzioni.

Sarebbe bene che questo, alcuni esponenti sindacali, anche ai massimi livelli, si affrettassero a comprenderlo.

Altrimenti non ci sarà futuro né per gli autotrasportatori né, a maggior ragione, per le Associazioni che dovrebbero rappresentarli e di cui essi sono, come del resto io stessa, dirigenti.

Nella mia, peraltro breve, esperienza di vita associativa questo è il momento più difficile che stiamo attraversando ed è mia profonda convinzione che da questa crisi generale che ci attanaglia, se non sapremo rimanere uniti e fare scudo tutti insieme,  verremo tutti travolti come un fiume in piena quando incontra argini indeboliti o ostacoli che ne aumentano la furia.

E’ con la speranza che questo mio appello all’unità venga accolto e con la certezza che sono in molti, come me, a confidare che si sappia ritrovare rapidamente la necessaria compattezza intorno alla difesa degli interessi vitali dell’autotrasporto italiano, che voglio rivolgere, a tutti voi, l’augurio più sincero per un  sereno Natale e nello stesso tempo augurare, a tutti noi, un 2015 migliore.

Comments are now closed for this entry

NEWS SERVIZI

Capacità Professionale, Trasfoservice organizza un nuovo corso a partire dal prossimo 2 luglio 2018

logo trasfoTrasfoservice 2001 Srl a Socio Unico, società facente parte del Sistema Assotir, organizza un nuovo corso per ottenere l’idoneità professionale per svolgere il ruolo di Gestore dei Trasporti in tutte quelle imprese che operano sul mercato con un parco veicolare fino a 3,5 tonnellate.

Il corso, di 74 ore complessive, si svolgerà presso la nostra sede sita in Via Santa Caterina Albanese 8, 00173 Roma, a partire dal 2 luglio 2018.

Leggi tutto...

Movimentazione e stoccaggio delle merci: Consat propone ai propri soci consulenza tecnica per ottimizzare il rapporto efficienza/prezzo degli strumenti di lavoro

merciCome ormai è ben noto da tempo, la razionalizzazione delle merci all’interno delle imprese di trasporto sta assumendo un’importanza fondamentale per semplificare e rendere veloci i flussi di lavoro e aumentare la produttività.

Leggi tutto...

Sicurezza nei luoghi di lavoro, Trasfoservice organizza un corso nelle giornate del 24 marzo e del 7 aprile

corso trasfo

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Abruzzo: autotrasporto, imprese e parlamentari uniti contro il caro-pedaggi

A24 e A25 lautostrada oreficeriaLe associazioni del settore: stop aumenti, più sicurezza, cambio delle regole nei periodi invernali

Un fronte comune tra imprese dell’autotrasporto e parlamentari per contenere il caro-pedaggi praticato sulle autostrade abruzzesi, che rischia di scattare puntuale anche per i prossimi undici anni, ovvero fino alla scadenza del contratto che regola i rapporti tra lo Stato e la società concessionaria “Strada dei Parchi SpA”.

Le premesse - tempi della crisi politica permettendo, soprattutto in considerazione dell’assenza di un interlocutore istituzionale come il governo, parte in causa nella complessa partita delle concessioni autostradali - sono state gettate questa mattina, a Pescara, nel corso del confronto promosso nella sede regionale della Cna tra le sei principali sigle del settore (Assotir, Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Fai, Fiap, Sna Confartigianato) con i deputati e i senatori appena eletti nella circoscrizione abruzzese.

Leggi tutto...

Porto di Civitavecchia: alle mancate risposte delle Istituzioni, le imprese di autotrasporto rispondono con il fermo dei servizi

camion in corteoCon un comunicato sottoscritto alla data del 14 marzo 2018 (il cui testo riportiamo in allegato nel quale sono elencate le richieste degli autotrasportatori), le imprese di autotrasporto del consorzio di Civitavecchia hanno deciso di attuare il fermo dei servizi ad oltranza, a causa dei gravi disagi che tutta la categoria sta vivendo, sia in relazione alla nuova area dedicata agli operatori portuali (di cui avevamo già parlato in una precedente news) sia per ciò che concerne l’assunzione di nuovi funzionari degli uffici doganali.

Proprio su quest’ultimo punto qualcosa sembra si stia finalmente muovendo, grazie anche all’incontro, dello scorso 21 febbraio, che Assotir riuscì ad ottenere con il Direttore dell’Agenzia delle Dogane, Dr. Giovanni Kessler.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us