Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Francia: per il distacco dei lavoratori ci sarà l'obbligo della registrazione, a pagamento, al SIPSI

    Domenica, 17 Dicembre 2017 13:05
  • Albo Autotrasporto, c’è tempo fino al 31 dicembre per pagare la quota relativa all'annualità 2018

    Venerdì, 15 Dicembre 2017 11:22
  • Costi di riferimento: il MIT pubblica quelli validi per i trasporti di dicembre 2017

    Venerdì, 15 Dicembre 2017 10:44
  • Marebonus, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del MIT che vuole incentivare il trasporto...

    Giovedì, 14 Dicembre 2017 10:49
  • L'autista del trasporto merci non è un trasfertista: la definitiva conferma arriva dalla...

    Martedì, 12 Dicembre 2017 20:23
  • Agenzia delle Dogane, aggiornate le FAQ in materia di accise su prodotti alcolici ed energia...

    Martedì, 12 Dicembre 2017 16:19

Germania: la normativa antidumping sul salario minimo riguarda anche chi effettua trasporti internazionali

on . Postato in News

Le nuove norme interesserebbero anche i dipendenti delle imprese che effettuano attività di trasporto internazionale da/per la Germania e, addirittura, chi semplicemente è in transito pur essendo diretto in altri Stati. le imprese che effettuino una delle predette attività di trasporto, prima di mettersi in viaggio, debbano comunicare in lingua tedesca alcune informazioni via fax alla Bundesfinanzdirektion West di Colonia, avvalendosi di un modello che alleghiamo.

Dal 1 Gennaio 2015 è entrata in vigore in Germania la nuova normativa antidumping sul salario minimo garantito, la quale prevede che chiunque lavori in quel Paese debba inderogabilmente percepire uno stipendio minimo di 8,50 lordi all’ora.

Questa normativa riguarda tutti i settori, ma rischia di avere un impatto pesante sulle imprese di autotrasporto.

Infatti, gli obblighi connessi alle nuove disposizioni riguardano certamente i lavoratori dipendenti da imprese che effettuano attività di cabotaggio in Germania.

Inoltre, secondo quanto sostenuto dall’IRU, contrariamente a quanto emerso in un primo momento, le nuove norme interesserebbero anche i dipendenti delle imprese che effettuano attività di trasporto internazionale da/per la Germania e, addirittura, chi semplicemente è in transito pur essendo diretto in altri Stati.

Quanto alle formalità da espletare, sempre dalle informazioni diffuse dall’IRU risulta che le imprese che effettuino una delle predette attività di trasporto, prima di mettersi in viaggio, debbano comunicare alcune informazioni via fax alla Bundesfinanzdirektion West di Colonia, al numero 0049.(0)221.964870, avvalendosi di un modello che si allega alla presenta nota.

L’obbligo di notifica, che deve essere inviata per iscritto ed in lingua tedesca, riguarda i seguenti dati:

  • dati dell'impresa;
  • cognome, nome e data di nascita del lavoratore;
  • inizio e durata stimata dell'operazione di trasporto sul territorio tedesco;
  • indirizzo in cui sono reperibili i documenti (in Germania o all'estero; in quest'ultimo caso è necessaria una dichiarazione che i documenti sono a disposizione della dogana tedesca, in lingua tedesca);
  • una lettera attestante la prova del pagamento del salario minimo (soltanto alla prima registrazione).

Il documento può contenere l’elenco delle operazioni fino ad un massimo di 6 mesi.  Eventuali modifiche delle operazioni di trasporto programmate non devono essere notificate alla dogana tedesca.

Inoltre,ed è la parte cui chiediamo alle imprese di prestare il massimo di attenzione, entro 7 giorni dalla fine dell’attività di trasporto, il conducente deve registrare l’inizio, la durata e il termine delle ore lavorate in Germania; questo documento deve essere conservato per due anni in Germania oppure all’estero ma, in quest’ultimo caso, l’impresa deve aggiungere una dichiarazione in cui assicura che i documenti richiesti sono a disposizione dell'Ufficio delle dogane, in lingua tedesca, per gli eventuali controlli.

Le sanzioni previste sono molto gravi: per il mancato invio delle informazioni sopra indicate si può arrivare fino a € 30.000,00 di multa.

Per il mancato rispetto del salario minimo, poi, è prevista una sanzione fino a € 500.000,00, anche se quest’ultimo caso sembra assai difficile si verifichi ove l’azienda rispetti quanto previsto dal CCNL sottoscritto in Italia tra T.I. ASSOTIR e FAST/CONFSAL.

E’ possibile reperire altre informazioni sul sito internet delle dogane tedesche:

in lingua inglese: http://www.zoll.de/EN/Businesses/Work/Foreign-domiciled-employers-posting/Minimum-conditions-of-employment/minimum-conditions-of-employment_node.html

in lingua francese: http://www.zoll.de/FR/Entreprises/Travail/Employeurs-etablis-hors-Allemagne-detachement/Conditions-de-travail-minimales/conditions-de-travail-minimales_node.html

Il testo del modello da inviare via fax alla Bundesfinanzdirektion West di Colonia, è disponibile in allegato.

 


[File allegato] Allegato - 1 - modello sul salario minimo in Germania da inviare alle Dogane tedesche

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Anagnina Service, parte il prossimo 18 novembre un nuovo corso sull'utilizzo corretto del Cronotachigrafo

anagninaAnagnina Service S.r.l., Autoscuola e Società di consulenza automobilistica facente, parte del SISTEMA ASSOTIR, organizza corsi di formazione per il corretto utilizzo del Cronotachigrafo Analogico e Digitale.

Leggi tutto...

Traghetti Blufferies, dal 2 ottobre attivi i nuovi orari

b1f819bcdba918e13c304a85851c2d17Dal 2 ottobre scorso l’esercizio delle navi Bluferries segue il nuovo orario disponibile in allegato. 

Leggi tutto...

Anagnina Service, condizioni vantaggiose per le attestazioni di capacità finanziaria

anagnina

 

Anagnina Service S.r.l., Autoscuola e Società di consulenza automobilistica facente parte del SISTEMA ASSOTIR, attraverso i propri partner assicurativi permette l'ottenimento delle attestazioni di capacità finanziaria.

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Civitavecchia: Patrizio Loffarelli di Assotir, per conto delle imprese di trasporto operanti nel porto, ha incontrato RTC. Obiettivo: costruire un dialogo serio e costruttivo sulla movimentazione dei containers

LoffarelliAssotir ha riunito con successo le imprese di trasporto che operano sullo scalo di Civitavecchia nel traffico dei container per cercare di aprire un dialogo costruttivo con RTC (Roma Terminal Container).

“L’incontro è stata una buona occasione di dialogo tra soggetti appartenenti alla stessa struttura economica” – ha commentato il rappresentante di Assotir nel Comitato di Partenariato dell’Autorità di Sistema Portuale dell’area del Tirreno Centro Settentrionale - Patrizio Loffarelli; “poiché, lavorando nello stesso ambiente, si conoscono le difficoltà ed i problemi strutturali ed operativi”.

Leggi tutto...

A San Severo Assotir apre la sede provinciale di Foggia: Peppino Camillo alla presidenza, Perrotti, Irmici e Leonardi nella segreteria politica.

P 20171021 113943Si è svolta, lo scorso sabato 21 ottobre 2017, presso la sala conferenze della tenuta Inagro di San Severo, l’assemblea costitutiva della nuova sede di Assotir di Foggia.

L’incontro, al quale erano presenti anche il segretario nazionale di Assotir, Claudio Donati, e il coordinatore regionale Assotir Puglia, Corrado Rodio, ha visto eleggere all’unanimità il presidente della nuova sede di Assotir a San Severo, nella persona di Giuseppe Camillo, e la segreteria politica nelle persone di Michele Perrotti di Lucera, Mario Michele Irmici e Domenico Leonardi, questi ultimi entrambi sanseverini doc.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us