Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Divieti di Circolazione: il Consiglio di Stato riconosce alle Prefetture autonomia di giudizio...

    Venerdì, 21 Settembre 2018 17:44
  • Privacy: dal 19 settembre scorso è entrato in vigore il DLgs riguardante la protezione dei dati...

    Giovedì, 20 Settembre 2018 18:05
  • Manifestazione dei sindaci di Lazio e Abruzzo davanti al MIT: anche Assotir presente per dire...

    Mercoledì, 19 Settembre 2018 15:50
  • Distacco dei lavoratori: la Corte di Giustizia Europea emana una sentenza in merito alla validità...

    Venerdì, 14 Settembre 2018 16:19
  • Ricorsi nei casi di sospensione e revoca della patente per carenze psicofisiche: una nota del MIT...

    Venerdì, 14 Settembre 2018 13:41
  • Bando ISI 2017, pubblicati sul sito web dell’INAL gli elenchi definitivi delle domande inoltrate

    Lunedì, 10 Settembre 2018 10:53

Obbligo di pagamento delle retribuzioni con strumenti tracciabili: l’INL fornisce ulteriori chiarimenti con la nota del 4 luglio 2018

on . Postato in News

Ispettorato nazionale del lavoroCome già anticipato in una precedente news, dallo scorso 1° luglio non è più possibile, per i datori di lavoro, pagare le retribuzioni ai propri dipendenti tramite denaro contante.

Questa modalità di pagamento, ormai andata in “pensione”, è stata sostituita dall’obbligo di tracciare i pagamenti, previsto dalla Legge di Bilancio 2018, sia per quanto riguarda il pagamento degli stipendi dei lavoratori che per gli eventuali anticipi, a loro versati, da parte del datore di lavoro.

Le sanzioni, come specifica l'Ispettorato Nazionale del Lavoro in unanota del 4 luglio scorso, possono davvero essere assai pesanti, soprattutto se l'inosservanza delle modalità di pagamento tracciabile dovesse protrarsi per più mensilità

L’INL (Ispettorato Nazionale del Lavoro) è tornato sull’argomento per chiarire alcuni dubbi sollevati localmente, specificando che qualora il datore di lavoro non rispetti il nuovo obbligo previsto dalla Legge di Bilancio potrà incorrere in una sanzione amministrativa che va da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 5.000, specificando che tale applicazione prescinde dal numero dei lavoratori ma tiene conto del numero di mensilità riguardanti l’inadempimento. A tale proposito l’Ispettorato ha citato l’esempio di due lavoratori  sui quali si sia prodotta l’inosservanza della normativa da parte del datore di lavoro; in questo caso la sanzione sarà pari a 5000 euro (1.666,67 x 3 mensilità).

Per quanto riguarda, invece, gli strumenti elettronici utilizzabili, l’Ispettorato ha comunicato che può essere ritenuto valido l’accreditamento della retribuzione su una carta di credito prepagata intestata al lavoratore anche se priva di IBAN, purché però il datore di lavoro conservi le ricevute di versamento anche in virtù di un eventuale controllo da parte degli organi di vigilanza e tenendo conto che la sola firma del lavoratore in busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento del dipendente.

Oltre a queste due casistiche, la nota dell’INL affronta la questione dei soci lavoratori di una cooperativa che siano anche prestatori (ovvero che intrattengo con la cooperativa un rapporto di prestito sociale).

In questo l’Ispettorato autorizza il pagamento delle retribuzioni sul libretto del prestito aperto dal socio presso la cooperativa stessa purché:

  • questa modalità sia stata richiesta espressamente dal socio lavoratore prestatore,
  • il versamento sia documentato nella lista dei pagamenti sul libretto da parte dell’Ufficio paghe,
  • venga attestato l’effettivo accredito il giorno successivo alla sua effettuazione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Privacy e sicurezza dei dati: Trasfoservice offre alle aziende soluzioni di qualità in materia del nuovo Regolamento Europeo 2016/679

privacyIl nuovo Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali ha mutato profondamente la normativa precedente e prevede che a partire dal 25 maggio 2018, le misure siano implementate in tutte le aziende che gestiscono dati relativi ai cittadini dell’Unione Europea, in qualsiasi Paese sia basata l’organizzazione.

L’inosservanza delle norme comporta gravi sanzioni, che possono arrivare fino al 4% del fatturato globale annuo dell’impresa.

Leggi tutto...

Geolocalizzazione e gestioni dati Cronotachigrafo, il Sistema Assotir offre risposte concrete alle esigenze degli autotrasportatori

geolocalizzazioneIl sistema Assotir è in grado di dare una efficace risposta alle esigenze di gestione della flotta automezzi con l’adozione di software e apparati, a costi di noleggio mensile, estremamente contenuti che permettono sia la geolocalizzazione che lo scarico e la gestione dei dati del cronotachigrafo.

Leggi tutto...

Capacità Professionale, Trasfoservice organizza un nuovo corso a partire dal prossimo 2 luglio 2018

logo trasfoTrasfoservice 2001 Srl a Socio Unico, società facente parte del Sistema Assotir, organizza un nuovo corso per ottenere l’idoneità professionale per svolgere il ruolo di Gestore dei Trasporti in tutte quelle imprese che operano sul mercato con un parco veicolare fino a 3,5 tonnellate.

Il corso, di 74 ore complessive, si svolgerà presso la nostra sede sita in Via Santa Caterina Albanese 8, 00173 Roma, a partire dal 2 luglio 2018.

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Trasporti abusivi nella raccolta del pomodoro: nella trasmissione #Autotrasporti di Radio 24 interviene Giuseppe Camillo per parlare dell’azione intrapresa da Assotir Foggia al fine di contrastare il fenomeno

peppinoAndrà in onda su #Autotrasporti, trasmissione di Radio 24 condotta dal giornalista Andrea Ferro, lunedì 16 luglio 2018 ,l’intervista a Giuseppe Camillo, Presidente Provinciale di Assotir Foggia, nella quale illustrerà le problematiche connesse al trasporto abusivo durante la raccolta del pomodoro, tema questo molto caro alla nostra Associazione che ha da tempo intrapreso una battaglia seria e decisa per contrastare il fenomeno.

Leggi tutto...

Avezzano, Assotir non si ferma e dopo Milano inaugura anche la nuova sede provinciale de L’Aquila

assotir laquilaDomenica scorsa, 8 luglio 2018, dopo il successo dell’inaugurazione della nuova sede provinciale di Milano, Assotir ha replicato ed ha aperto le porte della nuova sede provinciale de L’Aquila situata ad Avezzano.

Alla cerimonia erano presenti il Presidente Nazionale, Anna Vita Manigrasso, il Segretario Generale, Claudio Donati, il Presidente provinciale de L’Aquila, Robertino Di Berardino e Angelo Pierleoni, il Presidente di Formabruzzo, l’Ente partner di Assotir per l’erogazione dei servizi rivolti alle imprese di autotrasporto locali.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us