Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Lavoro, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM sulla programmazione dei flussi di ingresso in...

    Venerdì, 19 Gennaio 2018 18:17
  • Distacco dei lavoratori, secondo l’Ispettorato Nazionale del Lavoro è possibile effettuarlo anche...

    Venerdì, 19 Gennaio 2018 17:28
  • Certificazione Unica (CU) e dichiarazione Iva 2018, approvati i relativi modelli ed istruzioni da...

    Venerdì, 19 Gennaio 2018 13:19
  • Lavoratori interinali, entro il prossimo 31 gennaio scatta l’obbligo per le imprese di comunicare...

    Giovedì, 18 Gennaio 2018 17:40
  • Multe stradali: a partire dal 17 gennaio le notifiche per tutti i trasgressori, presenti nei...

    Giovedì, 18 Gennaio 2018 15:51
  • Costi di riferimento: il MIT pubblica quelli validi per i trasporti di gennaio 2018

    Mercoledì, 17 Gennaio 2018 11:38

L'autista del trasporto merci non è un trasfertista: la definitiva conferma arriva dalla Cassazione a Sezioni Riunite

on . Postato in News

Suprema Corte di CassazioneCom’è noto quale debba essere il trattamento fiscale delle somme riconosciute al lavoratore che si rechi in trasferta ha fatto oggetto di numerose discussioni ed anche a differenziate Sentenze, ora finalmente risolte grazie ad una Sentenza della Corte di Cassazione presa a Sezioni Riunite, che alleghiamo.

La questione è di assoluta rilevanza per il nostro settore, in cui il dipendente autista si trova ad operare quasi continuamente al di fuori del proprio abituale posto di lavoro.

Ricordiamo a tal proposito che per essere definita trasferta l’assenza dall’abituale posto di lavoro deve perdurare per almeno 6 ore e deve svolgersi al di fuori del territorio in cui ha sede il posto di lavoro stesso.

La discussione riguardava le condizioni in base alle quali fosse legittimo applicare alle somme erogate il regime di vantaggio previsto dal comma 5 dell’art. 51 del TUIR che prevede che tali somme diventano imponibili solo ove superino gli importi previsti da quest’ultima norma (€.46,48 al giorno, elevate a € 77,47 per le trasferte all’estero) e comunque soltanto limitatamente alla parte eccedente

La parola fine alla diatriba sembrava essere stata messa grazie all’art. 7 quinquies del D.L. 193/2016, convertito con la legge 225/2016 che si è posta come norma di interpretazione autentica del dettato del TUIR e come tale determinante per la applicazione di uno o l’altro dei regimi fiscali previsti.

A tal fine la norma ha indicato alcuni criteri univoci per l’inquadramento delle somme erogate ai lavoratori in trasferta nell’ambito del regime fiscale e contributivo previsto per i cd trasfertisti (comma 6, art. 51 del TUIR, che prevede la tassazione nella misura del 50% dell’ammontare), anziché in quello più favorevole stabilito per le indennità di trasferta (comma 5, art. 51 del TUIR):

  1. la mancata indicazione nel contratto e/o lettera di assunzione della sede di lavoro;
  2. lo svolgimento di un’attività lavorativa che richiede la continua mobilità del dipendente;
  3. la corresponsione al dipendente, in relazione allo svolgimento dell’attività lavorativa in luoghi variabili e diversi, di una indennità o maggiorazione di retribuzione in misura fissa, attribuiti senza distinguere se il dipendente si è effettivamente recato in trasferta e dove la stessa si è svolta.

Essi, tuttavia, ha stabilito la norma, debbono essere tutti contestualmente presenti.

Dunque la mancanza, anche di una sola di queste condizioni, determina l’inapplicabilità del regime dei trasferisti abituali, a vantaggio di quello previsto per le indennità di trasferta dal comma 5 dell’art. 51 del TUIR.

E’ del tutto evidente che, per quanto riguarda l’autotrasporto, la condizione di cui al punto c) non ricorre in alcun modo, in quanto il lavoratore otterrà la corresponsione di una indennità variabile, distinta in base al numero di ore passate in trasferta e comunque risulta collegata in modo assoluto alla concreta ed effettiva effettuazione della trasferta. Infatti verrà pagata solo per i giorni (o le ore) di effettiva assenza del lavoratore dal luogo di lavoro abituale.

Nonostante si trattasse di una "norma di interpretazione autentica" approvata dal Parlamento e, come tale, definitiva, e nonostante la assoluta chiarezza del suo contenuto, la sua portata retroattiva era stata messa in dubbio da alcune pronunce successive di diverse Sezioni della Cassazione.

Per questo va salutata con soddisfazione la decisione della Suprema Corte, questa volta a Sezioni Riunite, che alleghiamo.

Ora davvero la questione si può dire definitivamente risolta.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Distacco dei lavoratori, CON.SA.T vi assiste anche per i viaggi in Finlandia

FINLAND BUTTONCome per Francia, Germania, Austria, Belgio e Spagna, anche per la Finlandia CON.SA.T propone ai propri soci l’utilizzo di una piattaforma web e l’assistenza necessaria alla gestione delle problematiche burocratiche relative al distacco dei lavoratori.

Mediante l’utilizzo di username e password, per l’utente sarà possibile gestire in tutta autonomia gli adempimenti del caso dato che, anche la Finlandia, ha recepito la direttiva europea 2014/67/UE sul distacco transnazionale dei lavoratori, la cosiddetta “Direttiva Enforcement”.

Leggi tutto...

Conseguimento CQC: Anagnina Service, dal prossimo 23 gennaio 2018, avvierà un nuovo corso di formazione

anagninaL’Anagnina Service S.r.l., Autoscuola e Società di consulenza automobilistica facente parte del SISTEMA ASSOTIR organizza corsi di formazione per il conseguimento della CQC (Carta di Qualificazione del Conducente) sia per il trasporto merci che per il trasporto persone.

Il corso, svolto presso la nostra sede in Via Cinquefrondi n. 61/a – Roma (RM) – 00173, inizierà a partire dal prossimo martedì 23 gennaio 2018.

Leggi tutto...

Anagnina Service, parte il prossimo 18 novembre un nuovo corso sull'utilizzo corretto del Cronotachigrafo

anagninaAnagnina Service S.r.l., Autoscuola e Società di consulenza automobilistica facente, parte del SISTEMA ASSOTIR, organizza corsi di formazione per il corretto utilizzo del Cronotachigrafo Analogico e Digitale.

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Caro Pedaggi A24-A25, la stampa fa da ampia cassa di risonanza alla protesta di Assotir e delle altre Associazioni dell’Autotrasporto

strada dei parchiContinua la battaglia intrapresa da Assotir e dalle altre Associazioni dell’Autotrasporto (Cna-Fita, Confartigianato trasporti, Fai e Fiap) contro l’aumento spregiudicato e immotivato delle tariffe dei pedaggi autostradali che sta interessando soprattutto la concessionaria Strada dei Parchi, avendo subito dal 1° gennaio scorso un rincaro pari al 12,89%.

La protesta e il malcontento per un salasso così ingiusto stanno crescendo tra l’utenza che quotidianamente percorre la A24 e A25, testimoniando come, questa volta, i problemi non riguardano soltanto il mondo dell’autotrasporto che, nel frattempo nella giornata di ieri, mostrandosi fortemente compatto, ha pubblicato un comunicato ripreso da stampa locale e nazionale, sulle possibili azioni che verranno intraprese dagli autotrasportatori qualora le istituzioni non pongano rimedio a questa ennesima beffa che interessa tutta l’utenza autostradale.

Leggi tutto...

Stangata pedaggi, gli autotrasportatori al Governo: zona disagiata, chiediamo più agevolazioni

ASSOTIR LOGO 2017

Assotir  Cna-Fita  Confartigianato-Trasporti  Fai-Conftrasporto  Fiap

ABRUZZO 

Comunicato stampa

Stangata pedaggi, gli autotrasportatori al Governo: zona disagiata, chiediamo più agevolazioni

Vertice regionale del settore, che avverte: se non ascoltati passeremo lungo la viabilità ordinaria

 

PESCARA - Proclamano lo stato di agitazione della categoria e promettono forme di protesta ancor più clamorose, come l’abbandono dell’autostrada e il passaggio lungo la viabilità ordinaria, con rischi evidenti per la sicurezza e la salute di operatori e cittadini, se non verranno riconosciute le loro buone ragioni di fronte ad aumenti dei pedaggi lungo A24 e A25 del 12,89%. Ragioni che si traducono nella richiesta di un pacchetto di agevolazioni e di interventi per la messa in sicurezza delle autostrade da e per Roma rivolta tanto al Governo che alla società di gestione delle due arterie.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us