Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Nuova Direttiva sul distacco intra-UE. Pubblicata in G.U. ma non si applica all'autotrasporto

    Lunedì, 16 Luglio 2018 16:09
  • Mit: disponibile la nuova edizione del Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti...

    Lunedì, 16 Luglio 2018 15:23
  • Trasporti di cabotaggio in Italia, il Ministero dell’Interno emana una nuova circolare riguardante...

    Lunedì, 16 Luglio 2018 15:15
  • Cartello Produttori Autocarri: Le Associazioni italiane dell'autotrasporto in campo con un'azione...

    Lunedì, 16 Luglio 2018 12:03
  • Costi di riferimento: il MIT pubblica quelli per luglio 2018, basati sul costo del gasolio di...

    Venerdì, 13 Luglio 2018 16:00
  • Trasporto combinato di merci: la commissione TRAN dell'Europarlamento ha adottato la relazione...

    Giovedì, 12 Luglio 2018 20:33

L'autista del trasporto merci non è un trasfertista: la definitiva conferma arriva dalla Cassazione a Sezioni Riunite

on . Postato in News

Suprema Corte di CassazioneCom’è noto quale debba essere il trattamento fiscale delle somme riconosciute al lavoratore che si rechi in trasferta ha fatto oggetto di numerose discussioni ed anche a differenziate Sentenze, ora finalmente risolte grazie ad una Sentenza della Corte di Cassazione presa a Sezioni Riunite, che alleghiamo.

La questione è di assoluta rilevanza per il nostro settore, in cui il dipendente autista si trova ad operare quasi continuamente al di fuori del proprio abituale posto di lavoro.

Ricordiamo a tal proposito che per essere definita trasferta l’assenza dall’abituale posto di lavoro deve perdurare per almeno 6 ore e deve svolgersi al di fuori del territorio in cui ha sede il posto di lavoro stesso.

La discussione riguardava le condizioni in base alle quali fosse legittimo applicare alle somme erogate il regime di vantaggio previsto dal comma 5 dell’art. 51 del TUIR che prevede che tali somme diventano imponibili solo ove superino gli importi previsti da quest’ultima norma (€.46,48 al giorno, elevate a € 77,47 per le trasferte all’estero) e comunque soltanto limitatamente alla parte eccedente

La parola fine alla diatriba sembrava essere stata messa grazie all’art. 7 quinquies del D.L. 193/2016, convertito con la legge 225/2016 che si è posta come norma di interpretazione autentica del dettato del TUIR e come tale determinante per la applicazione di uno o l’altro dei regimi fiscali previsti.

A tal fine la norma ha indicato alcuni criteri univoci per l’inquadramento delle somme erogate ai lavoratori in trasferta nell’ambito del regime fiscale e contributivo previsto per i cd trasfertisti (comma 6, art. 51 del TUIR, che prevede la tassazione nella misura del 50% dell’ammontare), anziché in quello più favorevole stabilito per le indennità di trasferta (comma 5, art. 51 del TUIR):

  1. la mancata indicazione nel contratto e/o lettera di assunzione della sede di lavoro;
  2. lo svolgimento di un’attività lavorativa che richiede la continua mobilità del dipendente;
  3. la corresponsione al dipendente, in relazione allo svolgimento dell’attività lavorativa in luoghi variabili e diversi, di una indennità o maggiorazione di retribuzione in misura fissa, attribuiti senza distinguere se il dipendente si è effettivamente recato in trasferta e dove la stessa si è svolta.

Essi, tuttavia, ha stabilito la norma, debbono essere tutti contestualmente presenti.

Dunque la mancanza, anche di una sola di queste condizioni, determina l’inapplicabilità del regime dei trasferisti abituali, a vantaggio di quello previsto per le indennità di trasferta dal comma 5 dell’art. 51 del TUIR.

E’ del tutto evidente che, per quanto riguarda l’autotrasporto, la condizione di cui al punto c) non ricorre in alcun modo, in quanto il lavoratore otterrà la corresponsione di una indennità variabile, distinta in base al numero di ore passate in trasferta e comunque risulta collegata in modo assoluto alla concreta ed effettiva effettuazione della trasferta. Infatti verrà pagata solo per i giorni (o le ore) di effettiva assenza del lavoratore dal luogo di lavoro abituale.

Nonostante si trattasse di una "norma di interpretazione autentica" approvata dal Parlamento e, come tale, definitiva, e nonostante la assoluta chiarezza del suo contenuto, la sua portata retroattiva era stata messa in dubbio da alcune pronunce successive di diverse Sezioni della Cassazione.

Per questo va salutata con soddisfazione la decisione della Suprema Corte, questa volta a Sezioni Riunite, che alleghiamo.

Ora davvero la questione si può dire definitivamente risolta.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Privacy e sicurezza dei dati: Trasfoservice offre alle aziende soluzioni di qualità in materia del nuovo Regolamento Europeo 2016/679

privacyIl nuovo Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali ha mutato profondamente la normativa precedente e prevede che a partire dal 25 maggio 2018, le misure siano implementate in tutte le aziende che gestiscono dati relativi ai cittadini dell’Unione Europea, in qualsiasi Paese sia basata l’organizzazione.

L’inosservanza delle norme comporta gravi sanzioni, che possono arrivare fino al 4% del fatturato globale annuo dell’impresa.

Leggi tutto...

Geolocalizzazione e gestioni dati Cronotachigrafo, il Sistema Assotir offre risposte concrete alle esigenze degli autotrasportatori

geolocalizzazioneIl sistema Assotir è in grado di dare una efficace risposta alle esigenze di gestione della flotta automezzi con l’adozione di software e apparati, a costi di noleggio mensile, estremamente contenuti che permettono sia la geolocalizzazione che lo scarico e la gestione dei dati del cronotachigrafo.

Leggi tutto...

Capacità Professionale, Trasfoservice organizza un nuovo corso a partire dal prossimo 2 luglio 2018

logo trasfoTrasfoservice 2001 Srl a Socio Unico, società facente parte del Sistema Assotir, organizza un nuovo corso per ottenere l’idoneità professionale per svolgere il ruolo di Gestore dei Trasporti in tutte quelle imprese che operano sul mercato con un parco veicolare fino a 3,5 tonnellate.

Il corso, di 74 ore complessive, si svolgerà presso la nostra sede sita in Via Santa Caterina Albanese 8, 00173 Roma, a partire dal 2 luglio 2018.

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Trasporti abusivi nella raccolta del pomodoro: nella trasmissione #Autotrasporti di Radio 24 interviene Giuseppe Camillo per parlare dell’azione intrapresa da Assotir Foggia al fine di contrastare il fenomeno

peppinoAndrà in onda su #Autotrasporti, trasmissione di Radio 24 condotta dal giornalista Andrea Ferro, lunedì 16 luglio 2018 ,l’intervista a Giuseppe Camillo, Presidente Provinciale di Assotir Foggia, nella quale illustrerà le problematiche connesse al trasporto abusivo durante la raccolta del pomodoro, tema questo molto caro alla nostra Associazione che ha da tempo intrapreso una battaglia seria e decisa per contrastare il fenomeno.

Leggi tutto...

Avezzano, Assotir non si ferma e dopo Milano inaugura anche la nuova sede provinciale de L’Aquila

assotir laquilaDomenica scorsa, 8 luglio 2018, dopo il successo dell’inaugurazione della nuova sede provinciale di Milano, Assotir ha replicato ed ha aperto le porte della nuova sede provinciale de L’Aquila situata ad Avezzano.

Alla cerimonia erano presenti il Presidente Nazionale, Anna Vita Manigrasso, il Segretario Generale, Claudio Donati, il Presidente provinciale de L’Aquila, Robertino Di Berardino e Angelo Pierleoni, il Presidente di Formabruzzo, l’Ente partner di Assotir per l’erogazione dei servizi rivolti alle imprese di autotrasporto locali.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us