Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Accise: dal 1 al 31 luglio le domande di rimborso per il II trimestre 2017

    Martedì, 27 Giugno 2017 10:33
  • Misure per l'autotrasporto: pubblicato il testo coordinato del D.L. 50/2017 con le modifiche...

    Domenica, 25 Giugno 2017 22:02
  • Mintrasporti con un D.M. del 12/05 recepisce il 4° aggiornamento alla normativa sul trasporto...

    Venerdì, 23 Giugno 2017 17:10
  • Revisioni, immatricolazioni e controlli tecnici su strada: il MIT, con tre decreti, recepisce le...

    Mercoledì, 21 Giugno 2017 17:16
  • Costi di riferimento: il MIT pubblica quelli validi per i trasporti di giugno 2017

    Martedì, 20 Giugno 2017 17:37
  • Responsabile Tecnico dei rifiuti: due nuove delibere definiscono requisiti di capacità...

    Martedì, 20 Giugno 2017 12:09

GERMANIA: dal 25 maggio trascorrere il riposo regolare in cabina costerà assai caro ad autista e datore di lavoro

on . Postato in News

GERMANIA No al riposo in cabinaCome è noto negli scorsi mesi, alcuni Paesi europei, tra essi la Francia e il Belgio - hanno deciso di varare un apposito provvedimento per rendere esplicito quanto già prevede il Regolamento EU 561/2006 come integrato dal Regolamento UE 165/2014 a proposito della interdizione, per i conducenti di veicoli sottoposti alle norme di quei due Regolamenti (praticamente tutti gli autisti tranne quelli alla guida di furgoni con masse limitatissime), di trascorrere il tempo di periodo di "riposo settimanale regolare" nella cuccetta del proprio camion.

Per "riposo settimanale regolare" i due Regolamenti citati individuano il riposo che il conducente deve rispettare ogni due turni settimanali di lavoro e che ha una durata minima di 45 ore.

Ora, nonostante alla Corte di giustizia della UE infuri da settimane la discussione sul punto senza che ancora nulla si sia riusciti a conoscere dell'orientamento finale della Corte, e senza che la UE decida di chiarire come vada correttamente inteso il Regolamento 561/06, è la volta della Germania: con un provvedimento del 16 maggio 2017 - che alleghiamo in lingua tedesca - la Repubblica Federale prevede di applicare, a partire dal 25 maggio, pesanti sanzioni per la violazione del divieto di trascorrere il "riposo settimanale regolare" in cabina.

La sanzione per chi trasgredirà alla norma tedesca è infatti pari a € 1.500 euro per il datore di lavoro e € 500 per il conducente.

Da notare che, secondo i nostri colleghi tedeschi della Bundesverband der Transportunternehmen e.V. , la norma si applica tanto ai dipendenti delle imprese di autotrasporto che ai "padroncini" in quanto il  Regolamento EU 561/2006 non fa alcuna distinzione tra le due figure, ma le accomuna nella definizione di conducenti.

Ricordiamo anche che, secondo il nostro Ministero, in Italia non vi è bisogno di una nuova norma, in quanto il testo del Regolamento è inequivocabile, nel punto in cui esso recita testualmente: 

"In trasferta, i periodi di riposo giornaliero e quelli settimanali ridotti possono essere effettuati nel veicolo, purché questo sia dotato delle opportune attrezzature per il riposo di tutti i conducenti e sia in sosta".

Se, dunque, secondo il Ministero, il Regolamento esplicitamente indica che possano essere fruiti in cabina i "ripoosi settimanali ridotti" ma non cita i "riposi settimanali regolari" è perchè essi devono esserer fruiti fuori dalla cabina del camion.

Ora la palla passa alla Commissione UE che, nell'imminente "PACCHETTO AUTOTRASPORTO" dovrà eventualmente esprimere una propria definititiva opinione al riguardo e soprattutto consentire a tutti i Paesi dell'Unione, una applicazione uniforme della normativa, evitando che essa divenga un ulteriore elemento di distorsione della concorrenza tra i diversi "Sistemi Paese".

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Distacco dei lavoratori, CON.S.A.T. vi assiste anche per i viaggi in Spagna

bandiera spagnaCome per Francia, Germania, Austria e Italia, anche per la Spagna, CON.S.A.T. propone ai propri soci l’utilizzo di una piattaforma web e l’assistenza necessaria alla gestione delle problematiche burocratiche relative al distacco dei lavoratori. 

Mediante l’utilizzo di username e password per l’utente sarà possibile gestire in tutta autonomia gli adempimenti del caso.

Leggi tutto...

Carnet CON.S.A.T. - Stretto di Messina

carne consat

Il CON.S.A.T. ricorda agli utilizzatori abituali della tratta che ha studiato un pratico strumento di pagamento, che facilita le operazioni di imbraco, permettendo il passaggio a prezzi particolarmente convenienti, senza l'onere del pagamento immediato e che gode della dilazione di circa 30 gg dal passaggio.

I soci CON.S.A.T., già convenzionati per il servizio Autostrade, possono richiedere i Carnet per le tratte Villa S.Giovanni - Messina e Messina - Villa S.Giovanni.

 

 

Leggi tutto...

Corso di Conseguimento C.Q.C. Merci e Persone

anagninaAnagnina Service S.r.l., Autoscuola e Società di consulenza automobilistica facente parte del SISTEMA ASSOTIR organizza un Corso di formazione per il CONSEGUIMENTO della CQC MERCI E PERSONE.

AFFRETTATI, SEI ANCORA IN TEMPO PER PRENOTARE!

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Pino BULLA parla di costi del trasporto e di intermodalità sulle onde radio di Italia che va

bullaNella trasmissione "L'ITALIA CHE VA" in onda lunedì 26 giugno sulla rete radio RAI GR Parlamento alle 7,25 (in replica, su Radio 1 RAI venerdì prossimo) Pino BULLA, Vice Presidente di Assotir e rappresentante eletto dell'autotrasporto nella CCIAA del Sud Est Sicilia , risponde alle domande di Daniel Della Seta su costo del trasporto dell'ortofrutta dal privilegiato osservatorio di Catania, principale porto d'imbarco dei prodotti ortofrutticoli da e per la Sicilia

Civitavecchia: Loffarelli chiede l'apertura di un tavolo di crisi per l'autotrasporto

Loffarelli“La situazione dell’autotrasporto, invece di migliorare, va ad aggravarsi sempre di più, con il rischio di creare ulteriore disoccupazione e impoverimento del tessuto economico di Civitavecchia”. Il Direttore del Consorzio degli Autotrasportatori di Civitavecchia, nonché rappresentante delle imprese di autotrasporto all’interno del Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Tirreno Centro-settentrionale, Patrizio Loffarelli di ASSOTIR, lancia un allarme di estrema durezza, in vista di una situazione imprenditoriale locale che definisce “al limite della disperazione”. 

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815

centralinista3

Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us