Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Incentivi all’autotrasporto 2016: il MIT fornisce ulteriori chiarimenti relativi alla misura della...

    Venerdì, 20 Aprile 2018 17:20
  • Corretto fissaggio del carico e corretta gestione privacy: il 4 maggio il Sistema Assotir...

    Venerdì, 20 Aprile 2018 12:54
  • Abruzzo: autotrasporto, imprese e parlamentari uniti contro il caro-pedaggi

    Venerdì, 20 Aprile 2018 12:31
  • Serbatoietti senza autorizzazione comunale e recupero accise: le Dogane chiudono la vicenda

    Giovedì, 19 Aprile 2018 18:24
  • Omesso versamento dei contributi. Nuova precisazione INL sui casi in cui l'"omissione rilevante"...

    Mercoledì, 18 Aprile 2018 13:29
  • Costi di riferimento: il MIT pubblica quelli per aprile 2018, basati sul costo del gasolio di...

    Mercoledì, 18 Aprile 2018 12:40

Distacco Trasnazionale: mentre la Francia va avanti a tutta forza contro il dumping internazionale, il Ministro del lavoro pubblica un timidissimo decreto che, nel settore del trasporto stradale, rischia di rimanere del tutto inapplicabile.

on . Postato in News

lavoratori immigratiE’ stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale del 27 ottobre scorso, il Decreto Ministeriale a firma del Ministro del lavoro Poletti che rende operativa la disposizione contenuta nel decreto legislativo 17 luglio 2016, n.  136 recante l'attuazione della direttiva 2014/67/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, concernente l'applicazione della direttiva 96/71/CE relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi.

Si tratta – e ciò spiega perché abbiamo assai insistito con il Governo affinché la pubblicazione del Decreto operativo avvenisse – di una prima arma che potrà servire ad evitare il fenomeno del cosiddetto “dumping trasnazionale” ovvero la concorrenza sleale realizzata attraverso l’abbattimento artificiosodei costi di trasporto realizzato con l’utilizzo spregiudicato dello strumento del distacco trasnazionale.

Si tratta, a ben vedere, di un primo passo nella lunga strada tesa ad assicurare che siano salvaguardati i diritti e le condizioni di remunerazione complessiva dei lavoratori che, da Paesi dove il salario e gli oneri sociali sono normalmente assai più bassi che in Italia, vengono distaccati nel nostro Paese e che, in mancanza di una adeguata normativa di sostegno, finirebbero per essere condannati ad una minore retribuzione pur svolgendo il medesimo lavoro dei loro colleghi residenti in Italia.

Occorre dire che si tratta soltanto di un primo passo e, per giunta, assai stentato.

Il decreto ministeriale definisce gli standard e le regole per la trasmissione telematica delle comunicazioni al Ministero del Lavoro, introducendo un nuovo modello denominato “UNI_Distacco_UE”, aggiornato periodicamente con decreto direttoriale e disponibile sul sito del Ministero del Lavoro.

Il decreto è corredato di 3 allegati:

  • Allegato A – Contiene il modello “UNI_Distacco_UE”, composto da 5 sezioni, riguardanti i dati identificativi del prestatore di servizi (impresa distaccante o agenzia di somministrazione stabilita all’estero), del referente del prestatore di servizi (soggetto elettivamente domiciliato in Italia, incaricato di inviare e ricevere atti e documenti, con poteri di rappresentanza per tenere i rapporti con le parti sociali), del soggetto distaccatario (utilizzatore della prestazione lavorativa), dei distacchi (con durata e sede del distacco, nonché con i dati del lavoratore distaccato) e dell’invio. L’allegato si compone anche di una guida alla compilazione, che descrive ciascun singolo campo da compilare, l’obbligatorietà o meno della compilazione e le modalità di codifica del campo.
  • Allegato B – Si tratta di un file Excel che identifica la versione del modello “UNI_Distacco_UE”.
  • Allegato C – Contiene le modalità tecniche di compilazione e trasmissione delle comunicazioni di inizio, variazione o annullamento.

Dicevamo che si tratta, certamente, di un passo in avanti, ma di un passo assai stentato. E ciò per due buone ragioni:

  1. Al Decreto manca – in quanto non lo ha previsto il Decreto Legislativo – tutta la parte che possa rendere efficace un controllo su strada della regolarità del distacco.

Nonostante, infatti,  il Decreto imponga una preventiva comunicazione, da parte dell’impresa distaccante, alle autorità italiane, tale da evidenziare la regolarità del trattamento del lavoratore distaccato, è peraltro vero che ciò non comporta alcun obbligo di mantenere nel camion la prova dell’avvenuta comunicazione, cosicché l’agente che dovesse fermare per un controllo l’autista distaccato, non avrebbe alcuno strumento per poter contestare l’eventuale mancata comunicazione, a meno di non “sequestrare” per qualche ora il malcapitato in attesa che l’INPS, eventualmente, riesca a comunicare la regolarità o meno della situazione del lavoratore…..

  1. Manca, inoltre, almeno fino ad oggi, la nomina dell’Osservatorio previsto dal D. Lgs. 136/2016 e, conseguentemente, manca la pubblicazione, sul sito del Ministero del lavoro, di quanto previsto dall’art. 7 del D. Lgs. 136, che così recita:
  • Tutte le informazioni relative alle condizioni di lavoro e di occupazione che devono essere rispettate nelle ipotesi di  distacco sono pubblicate sul sito istituzionale del  Ministero  del  lavoro  e delle politiche sociali che provvede ai relativi aggiornamenti.  Esse in particolare sono relative a:

a) condizioni di lavoro e di occupazione applicabili   ai lavoratori distaccati in Italia;

b) contratti collettivi applicabili ai lavoratori distaccati in Italia, con particolare riferimento alle tariffe minime salariali e ai loro elementi costitutivi, al metodo utilizzato per calcolare la retribuzione dovuta e ai criteri per la classificazione   del personale;

c) procedure per sporgere denuncia, nonché la disciplina in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro applicabile ai lavoratori distaccati;

d) soggetti a cui i lavoratori e le imprese possono rivolgersi per ottenere informazioni con riferimento ai diritti e agli obblighi derivanti dalle disposizioni nazionali.

  • Tutte le informazioni di cui al comma 1 sono pubblicate in lingua italiana e inglese, in modo trasparente, chiaro e dettagliato, conformemente agli standard di accessibilità riferiti anche alle persone con disabilità e sono accessibili gratuitamente.

È evidente che fintanto che tali dati non saranno di dominio pubblico, sarà difficile poter perseguire le aziende che utilizzano in modo fraudolento l’istituto del distacco trasnazionale e, invece, si metterà in estrema difficolta quelle numero aziende straniere oneste, che utilizzano in modo trasparente i lavoratori distaccati.

Sono settimane e settimane che i nostri colleghi dell’UETR ci tempestano di mail per conoscere come regolarsi e le loro domande sono tutte assai semplici:

  • A chi spedire i moduli che attestano la regolarità del distacco?
  • A chi rivolgersi per conoscere quale sia il trattamento salariale lordo corretto che occorre assicurare al lavoratore distaccato in Italia?
  • Come provare di aver fatto tutto quanto previsto senza correre il rischio di essere fermati per strada e sottoposti ad un esame lungo e snervante?
  • E, soprattutto, lo Stato italiano sarà davvero capace di utilizzare questa norma per colpire i “bagarini” lasciando operare le aziende corrette?

Ci dispiace dover riconoscere che, in attesa dell’incontro con il Ministero del lavoro che la Sottosegretaria Vicari si è impegnata a facilitare, a queste domande noi non sappiamo ancora dare risposta.

Alla faccia dei francesi che, quando hanno deciso di fare sul serio contro il bagarinaggio internazionale, sono riusciti, in poche settimane, a metter su un sistema assai efficace e che, forse, avremmo dovuto limitarci, semplicemente, a copiare.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Movimentazione e stoccaggio delle merci: Consat propone ai propri soci consulenza tecnica per ottimizzare il rapporto efficienza/prezzo degli strumenti di lavoro

merciCome ormai è ben noto da tempo, la razionalizzazione delle merci all’interno delle imprese di trasporto sta assumendo un’importanza fondamentale per semplificare e rendere veloci i flussi di lavoro e aumentare la produttività.

Proprio per questo Consat, il Consorzio degli autotrasportatori facente parte del Sistema Assotir, ha pensato di fornire ai propri soci una consulenza che permetta di ottimizzare il rapporto efficienza/prezzo relativa agli strumenti di lavoro, realizzando una collaborazione con uno dei maggiori fornitori a livello internazionale di strumenti per la movimentazione del magazzino (scaffalature, carrelli, transpallet, ecc.)

Per conoscere le offerte di Consat è sufficiente contattare il numero +39 067222063 oppure mandare una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sicurezza nei luoghi di lavoro, Trasfoservice organizza un corso nelle giornate del 24 marzo e del 7 aprile

corso trasfo

Distacco dei lavoratori, CON.SA.T vi assiste anche per i viaggi in Finlandia

FINLAND BUTTONCome per Francia, Germania, Austria, Belgio e Spagna, anche per la Finlandia CON.SA.T propone ai propri soci l’utilizzo di una piattaforma web e l’assistenza necessaria alla gestione delle problematiche burocratiche relative al distacco dei lavoratori.

Mediante l’utilizzo di username e password, per l’utente sarà possibile gestire in tutta autonomia gli adempimenti del caso dato che, anche la Finlandia, ha recepito la direttiva europea 2014/67/UE sul distacco transnazionale dei lavoratori, la cosiddetta “Direttiva Enforcement”.

Leggi tutto...

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Porto di Civitavecchia: alle mancate risposte delle Istituzioni, le imprese di autotrasporto rispondono con il fermo dei servizi

camion in corteoCon un comunicato sottoscritto alla data del 14 marzo 2018 (il cui testo riportiamo in allegato nel quale sono elencate le richieste degli autotrasportatori), le imprese di autotrasporto del consorzio di Civitavecchia hanno deciso di attuare il fermo dei servizi ad oltranza, a causa dei gravi disagi che tutta la categoria sta vivendo, sia in relazione alla nuova area dedicata agli operatori portuali (di cui avevamo già parlato in una precedente news) sia per ciò che concerne l’assunzione di nuovi funzionari degli uffici doganali.

Proprio su quest’ultimo punto qualcosa sembra si stia finalmente muovendo, grazie anche all’incontro, dello scorso 21 febbraio, che Assotir riuscì ad ottenere con il Direttore dell’Agenzia delle Dogane, Dr. Giovanni Kessler.

Leggi tutto...

Porto di Civitavecchia, Loffarelli di Assotir denuncia: “Se l'AdSP non dovesse darci le risposte che cerchiamo riguardo alla nuova area dedicata agli operatori portuali, saremo pronti ad attuare uno nostra presa di posizione"

08Al porto di Civitavecchia, nonostante sia ormai tutto pronto da tempo per l’apertura di una nuova area dedicata agli operatori portuali (dotata peraltro di servizi igienici, docce, punto ristoro, spazi per operatori e piazzali adatti alle varie attività), la burocrazia, come molto spesso capita nel nostro Paese, impedisce ai possibili utenti di utilizzarla.

L’Autorità di Sistema Portuale del Tirreno Centro Settentrionale ha affermato di essersi attivata da tempo per chiudere l’iter burocratico-amministrativo ma, a Patrizio Loffarelli, presidente del Consorzio degli autotrasportatori di Civitavecchia, nonché rappresentate di Assotir al tavolo di partenariato dell’Adsp il quadro della situazione, visto anche quanto accaduto al porto di Genova, appare piuttosto chiaro e denuncia:”In Liguria, i trasportatori locali con i sindacati e insieme alle associazioni di categoria, a seguito di “minacce” sono riusciti a strappare un importante accordo con l’ente portuale per un’area dedicata agli operatori”.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us