Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Distacco dei lavoratori in Belgio, in arrivo alcune importanti novità a partire dal prossimo...

    Lunedì, 25 Settembre 2017 15:16
  • Distacco trasnazionale: il Ministero aggiorna le F.A.Q. e conferma l'obbligo della presenza a...

    Lunedì, 25 Settembre 2017 15:14
  • FRANCIA: iniziato lo sciopero dei dipendenti delle imprese di trasporto contro la riforma del...

    Lunedì, 25 Settembre 2017 12:40
  • Responsabili tecnici trasporto rifiuti: pubblicati i quesiti e le prime date per gli esami...

    Domenica, 17 Settembre 2017 21:12
  • Trasporti transfrontalieri di rifiuti: dal 1° ottobre piena reciprocità tra imprese italiane e...

    Domenica, 17 Settembre 2017 20:53
  • Certificazioni di malattia redatte in modalità cartacea. L'INPS specifica quando è ancora...

    Domenica, 17 Settembre 2017 20:37

Trasporti Eccezionali. Da Autostrade S.p.A. all'Albo ed alle Associazioni: queste le regole per i cavalcautostrade

scavalcautostradeCon una lettera inviata in data 2 dicembre 2016, Autostrade per l'Italia si rivolge al Comitato Centrale per l'Albo degli Autotrasportatori ed alle Associazioni dell'autotrasporto, ricordando quanto da essa fatto finora per garantire la sicurezza della circolazione allorchè un trasporto eccezionale si trovi a sovrappassare, impegnando un cavalcavia,  la rete autostradale.

Autostrade ricorda, anche in considerazione del clamore che la tragedia di alcune settimane fa in Lombardia ha determinato, come le strade che sovrappassano le autostrade siano di proprietà e di competenza di Amministrazioni diverse: dall'Anas, alle Regioni, agli Enti locali, ecc.

Numerose, secondo quanto ricostruito da Autostrade, le azioni poste in essere , a partire dal 2014, per richiamare le amministrazioni proprietarie e responsabili della viabilità sovrappassante la rete autostradale sulla necessità di garantire transiti, sulle opere di scavalco, conformi agli schemi di carico per i quali le opere stesse furono progettate, collaudate e consegnate a suo tempo alle medesime amministrazioni ai fini dell'esercizio stradale.

La preoccupazione riguardava soprattutto i cavalcavia progettati prima degli anni '80 come "ponti stradali di II categoria" (con caratteristiche strutturali quindi inferiori alla categoria massima), che, all'epoca erano parte di una rete stradale del tutto secondaria o addirittura interpoderale.

Si tratta di cavalcavia progettati in base alla normativa del 1962 o precedente, ovvero progettati in base alla normativa del 1980.

In ogni caso dimensionati per  schemi di carico (valori riferiti alla massa complessiva del veicolo) assolutamente inferiori a quelli per i quali, lo sviluppo delle comunicazioni e le esigenze produttive del Paese sottopongono giornalmente questi manufatti.

Autostrade, perciò, raccomandava alle amministrazioni interessate, l'adozione, ove non già attuata, di provvedimenti limitativi della circolazione su tali opere tramite specifiche ordinanze e relativa cartellonistica, precisando al riguardo che in via generale l'apposizione di un divieto di transito per i veicoli con massa complessiva superiore alle 12 t. avrebbe garantito il pieno rispetto delle caratteristiche di progetto.

Le amministrazioni, insisteva Autostrade,avrebbero potuto autorizzare transiti con massa complessiva superiore a quella di progetto solo previa verifica e benestare tecnico rilasciato a titolo oneroso dalle nostre competenti Direzioni di Tronco.

 In fase immediatamente successiva le Direzioni di Tronco di Autostrade intervennero direttamente per installare i cartelli di limitazione di transito in approccio ai cavalcavia sui quali le amministrazioni responsabili non erano ancora intervenute, reiterando la richiesta di regolarizzazione di tali situazioni

Ora, infine, Autostrade ha definito un  vero e proprio  schema di procedura finalizzato ad armonizzare comportamenti e costi relativi alle verifiche tecniche di competenza della Società sull'intero territorio nazionale, anche relativamente ai casi di passaggio di Trasporti Eccezionali  sui cavalcavia di I categoria eccedenti i limiti di massa ammessi alla libera circolazione di cui agli artt. 10 comma 8 e 62 del Codice della Strada.

Lo schema prevede che ai fini dell'autorizzazione al transito sul cavalcavia di un veicolo o convoglio eccedente in massa i limiti di progetto dell'opera o quelli ammessi dal C.d.S. - autorizzazione che va richiesta ed è di competenza dell'ente proprietario e/o gestore della viabilità sovrappassante l'autostrada - lo stesso ente debba richiedere alla competente Direzione di Tronco Aspi le valutazioni tecniche necessarie ad accertare la compatibilità dello schema di  carico da autorizzare con le caratteristiche strutturali dell'opera.

Tali verifiche, in funzione della massa e della configurazione del veicolo, potranno avvenire su tre diversi livelli con relativa differenziazione di oneri e compensi che le amministrazioni interessate dovranno corrispondere alle medesime Direzioni di Tronco prima del rilascio dell'eventuale nulla osta.

È stato infine precisato che analogamente a quanto stabilito dall'art. 19, comma 1, del DPR n.495/1992, le amministrazioni porranno il costo delle verifiche effettuate dalle nostre Direzioni di Tronco direttamente a carico del richiedente l'autorizzazione al transito sul cavalcavia, in aggiunta agli altri oneri ed indennizzi richiamati dal medesimo DPR.

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us