Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Incidente Borgo Panigale: dichiarazione del Segretario di Assotir, Claudio Donati

    Martedì, 07 Agosto 2018 13:32
  • Incentivi autotrasporto 2018, chiarimenti del MIT sulla incentivabilità dei veicoli CNG superiori...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 13:12
  • Bielorussia – Russia: aggiornamento sul blocco del transito al confine bielorusso del 1° agosto...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 12:43
  • Localizzazione dei veicoli aziendali tramite GPS: il Garante della privacy interviene in merito...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 11:26
  • Tracciabilità del pagamento delle retribuzioni: l’INL chiarisce che ne sono esenti gli anticipi di...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 09:58
  • Certificato medico di malattia online e visite fiscali: l’Inps ha pubblicato sul proprio sito...

    Giovedì, 02 Agosto 2018 17:32

Un augurio ed un invito al nuovo Governo da parte dei trasportatori

Roma, 6 giugno 2018

 

La repentina conclusione della crisi politica, che aveva visto per tre mesi l’Italia senza Governo, è un segnale positivo perché, riportando un minimo di stabilità nel nostro sistema, ha interrotto la pericolosa china che si era imboccata, spaventando tutti, vincitori e sconfitti.

Una sorta di ravvedimento operoso, all’ultimo minuto, in “zona Cesarini”, come spesso accade nel nostro Paese, all’insegna del tutto è bene quel che finisce bene.

Adesso si aspettano i contenuti; vale a dire gli atti attraverso cui il Governo del cambiamento, come è stato definito, darà sostanza alla sua impronta, che dovrebbe essere quella del cambiare in modo migliore le cose, per far stare meglio i cittadini, a partire da chi sta peggio.

Il cambiamento, anche per quel che riguarda il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, non è di poco conto. Non abbiamo alcun elemento per poter dare un giudizio sulla persona, essendosi finora occupato d’altro. E non pensiamo che ciò rappresenti necessariamente un fattore negativo.

Definiremo in UNATRAS le linee da portare al confronto con il nuovo Governo e con lo stesso Ministro Toninelli. Auspichiamo che si faccia in fretta, perché le questioni che sono sul tappeto attendono, da troppo tempo, di essere risolte. Non starò a ripeterne l’elenco.

Credo che sia però importante che il cambiamento significhi, nel nostro caso, un’attenzione diversa, cioè maggiore rispetto al passato recente, al mondo dell’autotrasporto. Chiederemo attenzione e rispetto per le circa 80 mila imprese che rappresentiamo, con i loro 20 miliardi di euro di fatturato (si dice circa il 3% del PIL). Chiederemo rispetto per la funzione strategica che l’autotrasporto svolge, al servizio del Paese. Chiederemo un confronto vero, anche duro, se necessario, che finalmente permetta a questo mondo di avere regole chiare per lo svolgimento dell’attività di autotrasporto.

Se chi ha vinto le elezioni non può negare che il suo successo è legato alle grandi sofferenze a cui molte persone e imprese sono state assoggettate dalla crisi economica, analogamente ci aspettiamo che oggi, chiamato a governare, sappia tener conto delle esigenze di un settore, quale è l’autotrasporto, che dalla crisi è stato certamente colpito con durezza e senza sconti portando, come proprio contributo, la scomparsa di circa 20 mila imprese ed una difficoltà strutturale a stare, in maniera dignitosa, in un mercato totalmente deregolamentato, trasformatosi in una giungla.

Quindi, nonostante, alcuni giustificati timori, generati da una campagna elettorale fatta all’insegna della delegittimazione sistematica, noi siamo fiduciosi in un confronto leale ed aperto.

La nostra fiducia nasce dal fatto che, da un lato, non chiederemo la luna, perché non l’abbiamo mai chiesta, e non si capisce perché dovremmo chiederla proprio adesso; dall’altro, siamo certi che il buon senso sia più forte di ogni propaganda, la quale, come è spesso successo, rischia di squagliarsi al sole dell’evidenza delle cose.

Claudio Donati

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us