Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Trasporto rifiuti, arrivano nuovi aggiornamenti dei quiz relativi all’esame per ottenere il titolo...

    Giovedì, 19 Luglio 2018 12:32
  • Distacco internazionale e cabotaggio: fino all'adeguamento del software di Minlavoro non è...

    Mercoledì, 18 Luglio 2018 15:47
  • Incentivi all’autotrasporto 2018: pubblicati in G.U i decreti che permettono alle imprese...

    Martedì, 17 Luglio 2018 16:06
  • Deduzioni forfettarie e recupero del contributo al Sistema Sanitario Nazionale, pubblicati da MEF...

    Martedì, 17 Luglio 2018 11:03
  • Nuova Direttiva sul distacco intra-UE. Pubblicata in G.U. ma non si applica all'autotrasporto

    Lunedì, 16 Luglio 2018 16:09
  • Mit: disponibile la nuova edizione del Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti...

    Lunedì, 16 Luglio 2018 15:23

IL SEGNALE DI UNATRAS ALLA POLITICA

Roma, 8 febbraio 2018

 

Può apparire persino ingenuo considerare il documento (il cui testo è pubblicato sul nostro sito) che UNATRAS ha inviato alle forze politiche, in occasione della competizione elettorale ormai in pieno svolgimento, come un qualcosa di molto importante per l’Autotrasporto italiano.

Ognuno può, infatti, vedere come nei programmi dei partiti, così ricchi di promesse, l’attenzione riservata al trasporto delle merci (e a chi questo mestiere lo esercita) sia inferiore a quella per l’uva passerina.

Nonostante ciò, noi assegniamo al documento UNATRAS una grande importanza e guardiamo ad esso con fiducia, sfidando lo scetticismo imperante.

Il fatto che l’Autotrasporto italiano abbia presentato, in maniera unitaria, le sue richieste, elencando ciò di cui c’è bisogno, rappresenta un punto di forza innegabile.

Mettendo sul conto (anche se speriamo nel contrario) che qualche forza politica possa snobbare le nostre richieste, dobbiamo chiederci quale sia, allora, l’effettivo valore di questa iniziativa.

La vera novità sta nel fatto che la categoria, nella sua stragrande maggioranza, si ritrova intorno a un documento, che resta valido, certamente per la campagna elettorale, ma anche per dopo, rappresentando la nostra agenda delle prossime settimane e dei prossimi mesi.

Ancora una volta, a fare la differenza, tra un modo debole oppure efficace di rappresentare l’autotrasporto, sarà la nostra capacità di esprimere unità e determinazione.  

Da questo punto di vista, il documento di UNATRAS è un passo in avanti notevole che prova a ridare dignità a questa categoria.

Un passo che si presenta come una positiva anomalia, in mezzo alla frammentazione generalizzata che investe, senza eccezioni, l’intera società italiana.

Un passo fatto da un soggetto collettivo economico, al servizio del proprio Paese ventiquattr’ore su ventiquattro che, per definizione, risulta indispensabile al sistema economico italiano.

Un passo, che è stato compiuto, nonostante le differenze, anche profonde - inutile negarle - interne al nostro mondo. Per questo, ancor di più, va considerato importante; e impegnativo per noi tutti.

Se seguiremo l’agenda che abbiamo deciso insieme, sia prima che dopo le elezioni, ci saranno buone probabilità di giocarci le difficili sfide che ci aspettano, soprattutto nella seconda metà dell’anno, indipendentemente da chi governerà.

Il quadro politico in cui ci troviamo rende questo passo di UNATRAS, oltre che necessario, obbligato, perché solo attraverso una forte convergenza associativa sarà possibile affrontare la bufera che potremmo trovarci di fronte, a causa di una politica che oggi appare, non solo lontana ma, a tratti, addirittura ostile.

Non andrebbero sottovalutate le dichiarazioni, a cui stiamo assistendo, di qualche candidato, tese ad additare all’opinione pubblica l’Autotrasporto come “imputato”. Imputato per i danni ambientali, imputato per la sicurezza stradale; imputato per tutto, “a prescindere”, avrebbe detto Totò. Cioè, uno di quei soggetti che, per la società, ben lungi dal costituire una risorsa, rappresenta un peso, di cui si vorrebbe volentieri fare a meno ma, non potendolo fare, ci si accontenta di ridurlo ai minimi termini.

E non sempre si tratta solo di miseri tentativi per acchiappare voti.

Qualche volta, si ha l’impressione che si stia preparando il terreno culturale per spazzare via qualsiasi rischio che i trasportatori rialzino la testa, mediante un’offensiva mediatica e politica, che ha lo scopo di cristallizzare l’attuale equilibrio di mercato, in cui la competitività del trasporto delle merci si realizza prevalentemente attraverso meccanismi para-legali, quando non completamente illegali, a spese del trasportatore: “cornuto e mazziato”, secondo il famoso detto.

Al di là della convegnistica, sembra abbastanza evidente la tendenza a non voler mettere le mani in questa materia perché, alla fine, è meglio così. Per tutti, tranne che per i trasportatori, ovviamente.

L’esatto contrario è proprio quello che noi vogliamo: un cambiamento profondo delle regole del gioco. E, per far questo, occorre che lo Stato (meglio, chi sia chiamato a governarlo) faccia il proprio mestiere, che è quello di assicurare alle imprese di trasporto un contesto normativo chiaro e trasparente in cui, chi voglia fare impresa, possa farlo, senza essere taglieggiato dalla zavorra della concorrenza sleale, area sempre più prediletta dalla criminalità.

Le regole attuali sono truccate, perché o sono sbagliate o sono inapplicabili e, dunque, spesso inutili e, a volte, dannose.

Su questo terreno UNATRAS intende incalzare le forze politiche, sia durante questa sclerotica campagna elettorale, sia, soprattutto, dopo. 

Se può essere utile a spiegare meglio il senso di quanto ho provato a dire, aggiungo che non bisognerebbe mai dimenticare che, ancora oggi, nonostante Internet, nonostante le varie cure “ricostituenti” del ferro e del mare, le merci continuano a viaggiare sui nostri camion. Non è un richiamo all’orgoglio di categoria; semplicemente, un’avvertenza ad usare il cervello.

Claudio Donati

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us