Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Incidente Borgo Panigale: dichiarazione del Segretario di Assotir, Claudio Donati

    Martedì, 07 Agosto 2018 13:32
  • Incentivi autotrasporto 2018, chiarimenti del MIT sulla incentivabilità dei veicoli CNG superiori...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 13:12
  • Bielorussia – Russia: aggiornamento sul blocco del transito al confine bielorusso del 1° agosto...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 12:43
  • Localizzazione dei veicoli aziendali tramite GPS: il Garante della privacy interviene in merito...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 11:26
  • Tracciabilità del pagamento delle retribuzioni: l’INL chiarisce che ne sono esenti gli anticipi di...

    Venerdì, 03 Agosto 2018 09:58
  • Certificato medico di malattia online e visite fiscali: l’Inps ha pubblicato sul proprio sito...

    Giovedì, 02 Agosto 2018 17:32

Ricerca leggi e norme

  •  

Legge Forense

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGA ZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE

Direzione generale per la sicu rezza stradale

Divisione II

Via G. Carnei, 36-00 157 Roma

 

 

OGGETTO: quesito sulla corretta applicazione delle deroghe ai sensi dell'art. 3 del Calendario dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti - DM n.571 del 19/ 12/2017 - V.S. nota del 22 febbraio 2018.

 

Con riferimento alla nota in oggetto, si precisa quanto segue.

L'art. 3, comma 2, lettera b), del DM 5711200 1 cita " per i veicoli che compiono percorso per il rientro alle sedi dell' impresa intestataria degli stessi, principale o secondarie, da documentare con l 'esibizione di un aggiornato certificato di iscrizione alla Camera di commercio, industria ed artigianato, purché tali veicoli non si trovino ad una distanza superiore a 50 km dalle medesime sedi a decorrere dall' orario di inizio del divieto e non percorrano tratti autostradali. "

La ratio di tale dispositivo è quella di garantire all'autista che si trova in circolazione ed ad una distanza inferiore ai 50 km dalla sede dell'impresa di trasporto per cui lavora, di proseguire il viaggio con il proprio veicolo per raggiungere la medesima sede nonostante l 'inizio del divieto di circolazione.

Tale assunto trova la sua giustificazione sia per evitare che l'autista rimanga fermo su strada per tutta la durata del divieto senza far ritorno in sede nonostante la distanza da percorrere sia minima, nel rispetto dei principi dell' organizzazione del lavoro, e sia per evitare che un mezzo pesante rimanga inutilmente in circolazione su strada in coerenza agli obiettivi di sicurezza stradale.

La disposizione in esame, tra l 'altro, ai fini dell'applicazione della deroga de qua, non indica come condizione essenziale che il veicolo debba essere privo del carico, in quanto il medesimo potrebbe essere carico e far ritorno in sede per un eventuale "rottura" del medesimo carico ovvero per essere predisposto ad nuovo trasporto il giorno seguente.

A parere di questo Ufficio, quindi, per l'utilizzo della deroga è necessario solamente che l'autista del veicolo, nel caso si trovasse nelle condizioni di cui all' art. 3, comma 2, lettera b) ed in caso di controllo da parte di un organo accertatore, dimostri con le modalità e documentazioni appropriate di trovarsi  in un percorso di rientro alla sede dell'impresa.

 

11 Funzionario: Dott. Fabio Dimita

Il Dirigente Tecnico

Ing. Silverio Antoniazzi

back to top

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.
Find us on Facebook
Follow Us