Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

  • Pedaggi e mobilità stradale: Il Parlamento Europeo avvia nell’Unione misure volte a migliore...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 17:39
  • Trasporto urbano e interurbano in Spagna, Fenadismer denuncia il comportamento illecito delle...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 15:56
  • Calendario dei Divieti: il Tar accoglie il ricorso del Codacons ma, per il momento, nulla cambia...

    Venerdì, 25 Maggio 2018 12:19
  • Pedaggi Autostradali 2017, il Comitato Centrale dell’Albo approva la delibera di base che avvia...

    Giovedì, 24 Maggio 2018 18:39
  • Revisione dei veicoli, il MIT emana un nuovo provvedimento dove detta le disposizioni legate...

    Martedì, 22 Maggio 2018 17:40
  • Raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi: l’Albo Nazionale Gestori Ambientali fissa i...

    Martedì, 22 Maggio 2018 16:51

Legge di stabilità - Capacità finanziaria

on . Postato in News

leggedistabilitàCapacità finanziaria: il Ministero, con una Circolare, mitiga le previsioni della Legge di Stabilità
Con la circolare 1807 del 28 Gennaio 2015, la D.G. TSI ha fornito i primi chiarimenti sulla norma introdotta dalla Legge di Stabilità 2015, che ha disposto la cessazione dell’utilizzo della polizza di assicurazione della responsabilità professionale per dimostrare il requisito dell’idoneità finanziaria.


Il Ministero, dopo aver preso atto che nell’immediato, molte imprese di autotrasporto avrebbero avuto difficoltà ad adeguarsi a questa disposizione e che le polizze stipulate alla data del 1 Gennaio scorso, furono comunque emesse nel rispetto delle disposizioni vigenti all’epoca, ha deciso di mitigare in modo sostanziale i nuovi obblighi a carico delle imprese.

Con la circolare prot. 1807 del 28 Gennaio 2015, la Direzione generale per il trasporto stradale e l’intermodalità del Ministero dei Trasporti ha fornito i primi chiarimenti sulla norma introdotta dalla Legge di Stabilità 2015, che ha disposto la cessazione dell’utilizzo della polizza di assicurazione della responsabilità professionale per dimostrare il requisito dell’idoneità finanziaria.

Innanzi tutto ricordiamo che, secondo il Regolamento (CE) 1071/2009 sull’accesso alla professione di autotrasportatore, la dimostrazione del requisito di capacità finanziaria deve essere prodotto, come minimo, annualmente dall’impresa e comunque ogni qual volta venga aggiunto un veicolo al parco aziendale.

Come abbiamo già messo in evidenza commentando le novità contenute nella Legge di Stabilità 2015 per quanto riguarda le imprese di autotrasporto, l’art.1, comma 251, della Legge 190 del 23 Dicembre 2014, ha stabilito che, dal 1 Gennaio scorso:

le imprese di autotrasporto che chiedano l’autorizzazione all’esercizio della professione, possono utilizzare la sopra citata polizza di assicurazione della responsabilità professionale per dimostrare l’idoneità finanziaria soltanto nei primi due anni di attività;
a partire dal terzo anno di attività dell’impresa, invece, la dimostrazione del requisito può avvenire soltanto tramite l’attestazione rilasciata dal revisore contabile sulla base dei conti annuali dell’impresa o, in alternativa, con fidejussione bancaria o assicurativa (quest’ultima, come precisa la circolare del Ministero, da intendersi rilasciata da banche, compagnie di assicurazioni o intermediari finanziari autorizzati e iscritti nei rispettivi albi).
Le polizze di assicurazione di responsabilità professionale già presentate dalle imprese di autotrasporto, autorizzate (o che hanno chiesto l’autorizzazione) all’esercizio della professione al 31 Dicembre scorso, restano valide fino alla scadenza con esplicita e tassativa esclusione del rinnovo della loro validità.
Il Ministero, dopo aver preso atto che:

- nell’immediato, molte imprese di autotrasporto avrebbero avuto difficoltà ad adeguarsi a questa disposizione;

- le polizze stipulate alla data del 1 Gennaio scorso, sono state comunque emesse nel rispetto delle disposizioni vigenti all’epoca.

ha deciso di mitigare la previsione contenuta nella Legge, introducendo, tramite la Circolare, le seguenti agevolazioni:

- le polizze di responsabilità professionale stipulate entro il 31 Dicembre 2014, e presentate ai competenti Uffici entro il 15 febbraio 2015, mantengono la propria validità ai ai fini della dimostrazione dell’idoneità finanziaria.

In questo caso le polizze, quale che sia la durata contrattuale concordata tra la compagnia e l’azienda di trasporto, avranno validità annuale ai fini della dimostrazione del requisito (con esclusione di rinnovo espresso o tacito).
Se queste polizze verranno presentate, ai fini dell’iscrizione all’Albo da parte di imprese neocostituite, la validità non potrà superare i due anni, come dettato dalla Legge di Stabilità;
- le imprese che, nel 2014, avevano dimostrato l’idoneità finanziaria tramite la polizza in argomento, possono utilizzare questo strumento per un ulteriore anno (anche qui, escludendosi qualsiasi possibilità di rinnovo espresso o tacito);

- le polizze che riportino scadenze superiore all’anno, sono valide solo fino alla successiva scadenza annuale dell’idoneità finanziaria (con esclusione di rinnovo espresso o tacito), fatta salva, ovviamente, la facoltà per le nuove imprese di dimostrare il requisito mediante polizza assicurativa nei limiti del biennio;

- le imprese alle quali è stato consentito l’utilizzo della polizza di responsabilità professionale, possono avvalersi di questo strumento anche per integrare l’idoneità finanziaria in caso di nuova acquisizione di veicoli,. La scadenza di tale integrazione coincide con quella della polizza principale;

Infine, la Circolare ricorda che qualora gli uffici competenti, ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (CE) 1071/2009 sull’accesso alla professione di autotrasportatore, accertino la mancanza del requisito dell’idoneità finanziaria, potranno assegnare all’impresa un termine non superiore a 6 mesi per mettersi in regola

 

Commenti   

+2 #1 Mario 2015-02-20 10:00
sono un autotrasportato re che non puo' avere il durc non perche'
investe i soldi in ville alle bahamas ma perche' spesso deve decidere
se pagare o mangiare,visto la miseria che pagano le ditte
committenti.con questa legge ideata da renzi e dai suoi
manutengoli,che sputano leggi seduti su scranni da diecimila euro al
mese, disquisendo sul lavoro senza aver mai lavorato in vita
loro,secondo loro io a 50 anni dovrei rimaner disoccupato con una
famiglia da mantenere e un leasing da pagare. siccome la famiglia
viene prima delle loro leggi di merda,faro' trasporti in nero e pagati
in contanti,cosi smettero' di pagare anche quello che fino ad oggi ho
sempre pagato. e penso che saremo in tanti in italia in queste
condizioni. non ho dipendenti, sono solo io, e sono dieci anni che non
faccio ferie ,solo per sopravvivere. ma andatevene affanculo
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NEWS SERVIZI

Capacità Professionale, Trasfoservice organizza un nuovo corso a partire dal prossimo 2 luglio 2018

logo trasfoTrasfoservice 2001 Srl a Socio Unico, società facente parte del Sistema Assotir, organizza un nuovo corso per ottenere l’idoneità professionale per svolgere il ruolo di Gestore dei Trasporti in tutte quelle imprese che operano sul mercato con un parco veicolare fino a 3,5 tonnellate.

Il corso, di 74 ore complessive, si svolgerà presso la nostra sede sita in Via Santa Caterina Albanese 8, 00173 Roma, a partire dal 2 luglio 2018.

Leggi tutto...

Movimentazione e stoccaggio delle merci: Consat propone ai propri soci consulenza tecnica per ottimizzare il rapporto efficienza/prezzo degli strumenti di lavoro

merciCome ormai è ben noto da tempo, la razionalizzazione delle merci all’interno delle imprese di trasporto sta assumendo un’importanza fondamentale per semplificare e rendere veloci i flussi di lavoro e aumentare la produttività.

Leggi tutto...

Sicurezza nei luoghi di lavoro, Trasfoservice organizza un corso nelle giornate del 24 marzo e del 7 aprile

corso trasfo

VITA ASSOCIATIVA E NEWS DAL TERRITORIO

Abruzzo: autotrasporto, imprese e parlamentari uniti contro il caro-pedaggi

A24 e A25 lautostrada oreficeriaLe associazioni del settore: stop aumenti, più sicurezza, cambio delle regole nei periodi invernali

Un fronte comune tra imprese dell’autotrasporto e parlamentari per contenere il caro-pedaggi praticato sulle autostrade abruzzesi, che rischia di scattare puntuale anche per i prossimi undici anni, ovvero fino alla scadenza del contratto che regola i rapporti tra lo Stato e la società concessionaria “Strada dei Parchi SpA”.

Le premesse - tempi della crisi politica permettendo, soprattutto in considerazione dell’assenza di un interlocutore istituzionale come il governo, parte in causa nella complessa partita delle concessioni autostradali - sono state gettate questa mattina, a Pescara, nel corso del confronto promosso nella sede regionale della Cna tra le sei principali sigle del settore (Assotir, Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Fai, Fiap, Sna Confartigianato) con i deputati e i senatori appena eletti nella circoscrizione abruzzese.

Leggi tutto...

Porto di Civitavecchia: alle mancate risposte delle Istituzioni, le imprese di autotrasporto rispondono con il fermo dei servizi

camion in corteoCon un comunicato sottoscritto alla data del 14 marzo 2018 (il cui testo riportiamo in allegato nel quale sono elencate le richieste degli autotrasportatori), le imprese di autotrasporto del consorzio di Civitavecchia hanno deciso di attuare il fermo dei servizi ad oltranza, a causa dei gravi disagi che tutta la categoria sta vivendo, sia in relazione alla nuova area dedicata agli operatori portuali (di cui avevamo già parlato in una precedente news) sia per ciò che concerne l’assunzione di nuovi funzionari degli uffici doganali.

Proprio su quest’ultimo punto qualcosa sembra si stia finalmente muovendo, grazie anche all’incontro, dello scorso 21 febbraio, che Assotir riuscì ad ottenere con il Direttore dell’Agenzia delle Dogane, Dr. Giovanni Kessler.

Leggi tutto...

Call-Center Sistema Assotir

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle 18,00
al seguente numero: 06 7221815


Registrati al sito

Registrati! Potrai così accedere alle sezioni riservate del sito e ricevere la newsletter di Assotir.

Richiesta informazioni

autorizzo al trattamento dei dati personali (d.lgs 196/03)
Inviami una copia
Find us on Facebook
Follow Us